Cronaca

Crisi post-Covid e imprese, Lombardo: "Inutile assistere, serve aiuto per riconvertire"

Molte -secondo l'assessore- già "non stavano sul mercato prima". Ma al contratio delle grandi imprese, quelle piccole e medie rischiano di essere travolte

E' inutile assistere le piccole e medie imprese in difficoltà, che non stavano sul mercato già da prima dello scoppio della pandemia, serve invece supportare progetti che le portino a riconvertire la produzione e cercare nuovi mercati.

Ne è convinto l'assessore alle attività produttive Marco Lombardo intervenuto questa mattina a una convegno online sulla ripresa dopo l'emergenza covid promosso da Raccolta Lercaro, Istituto Veritatis Splendor e Imagem.

"Non tutte le imprese  bolognesi usciranno dalla crisi -avverte Lombardo- alcune non stavano sul mercato già prima. E non dovranno essere assistite, ma accompagnate e riconvertite". Secondo Lombardo, il territorio di Bologna "ha più capacità di resilienza degli altri, lo vediamo dalla manifattura".

Crisi post-Covid, Veronesi: "Attesi a Bologna fino a 8mila licenziamenti"

Ma mentre le grandi imprese hanno gli strumenti per questa riconversione, "le micro e piccole imprese rischiano di non essere messe nelle condizioni di farlo", avverte Lombardo. Per questo, col Patto regionale per il lavoro e il clima "si tiene insieme la transizione ecologica e quella digitale -afferma l'assessore- altrimenti si rischia di non cogliere la grande opportunità di costruire un nuovo modello economico".

Questa è una delle "sfide sociali" che Lombardo vede nel prossimo futuro di Bologna. L'altra riguarda la concertazione. "Sono ferite profonde le immagini di due giorni fa di sindacati che si fronteggiano -afferma l'assessore- più è diviso il fronte sindacale e più si indebolisce la tutela dei lavoratori. Non conviene a nessuno. E' il momento che i sindacati lavorino sull'unità e che le Istituzioni capiscano che non c'è una frattura tra imprenditori e lavoratori". Infine, sostiene Lombardo, "bisogna investire sull'accesso alle competenze digitali per la riconversione dei lavoratori, per non escludere i più anziani, per aiutare i giovani e sostenere le donne".

Lavoro post-covid, Lombardo: "Aspettiamoci 37mila posti a rischio"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi post-Covid e imprese, Lombardo: "Inutile assistere, serve aiuto per riconvertire"

BolognaToday è in caricamento