rotate-mobile
Cronaca

Feste e solidarietà: in tempo di covid il pranzo di Natale è "al sacco"

L'emergenza sanitaria cambia anche le iniziative solidali a Bologna. In via Battiferro, sede principale delle Cucine Popolari, la consegna con i "camerieri solidali"

Sabato 19 dicembre i Volontari delle Cucine Popolari, i frati Servi di Maria e il cardinale Zuppi distribuiscono un ‘pranzo natalizio al sacco’ in via Battiferro, sede delle Cucine Popolari.

L'emergenza sanitaria cambia anche le iniziative solidali a Bologna, ma prosegue comune "il cammino di amicizia e condivisione della solidarietà tra la Chiesa bolognese e il Volontariato laico e sociale", scrive in una nota il fondatore delle Cucine Popolari, Roberto Morgantini. 

La consegna del ‘Pranzo al sacco’ si svolgerà dalle 10,30 alle 13,30 in via Battiferro, sede principale delle Cucine Popolari .

"La divisione fondamentale dell’umanità non è tra coloro che sono chiamati credenti e coloro che sono chiamati non credenti, è piuttosto tra quelli che davanti alla sofferenza e indigenza degli altri si voltano dall’altra parte, e coloro che accettano di condividerla - sottolinea Morgantini - nel prossimo Natale accogliere e condividere il pane è creare uno spazio dove si possa essere ancora insieme, ancora solidali e con gli occhi fissi sulla piccola fiamma della speranza, ma in sicurezza. Con timore e tremore diciamo quindi in umiltà che le mani che aiutano sono più sante delle labbra che pregano, consapevoli della difficile arte del darsi una mano e della necessità di custodire e aver cura di ogni persona, con amore, e di tutti coloro che sono più fragili e che spesso sono nella periferia di molti cuori e della nostra Città".

La crisi economica scaturita dalla pandemia di coronavirus colpisce soprattutto chi, fragile, lo era già prima. Ma alle mense popolari ideate da Roberto Morgantini si avvicinano anche nuove persone che a causa del coronavirus hanno perso il lavoro: precari, lavoratori a nero, collaboratori mai stabilizzati. 

Pranzo alle Cucine Popolari: "Da 250 a 500 pasti, contiamo sulla solidarietà"| VIDEO

Per l'occasione arriveranno anche i "camerieri solidali": personaggi della musica, del teatro, della cultura, dello sport, delle Istituzioni, il Cardinale di Bologna, don Matteo Zuppi, il sindaco Virginio Merola, lo stesso Roberto Morgantini, fra Pietro Andriotto, priore dei frati Servi di Maria e fra Benito Fusco dell’Eremo di Ronzano.

Sono già previste le presenze di Alessandro Bergonzoni, Stefano Benni, Luca Bottura, Gianni Morandi, Andrea Segre, Marcello Fois, Francesco Malaguti, Danilo Masotti, Federico Aicardi, Luciano Sita, Giampiero Moscato, Mattia Fontanella, il presidente del quartiere Navile Daniele Ara, Duccio Cacioni, il portavoce delle sardine Mattia Santori, Stefano Bonaga, Aldo Balzanelli…

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Feste e solidarietà: in tempo di covid il pranzo di Natale è "al sacco"

BolognaToday è in caricamento