Maltempo, strade e fiumi in sicurezza: la Regione sblocca quasi 2 milioni

Trentadue interventi finanziati in tutta l'Emilia-Romagna, di cui quattro nel territorio bolognese

Foto di repertorio

Prime risorse in arrivo dalla Regione Emilia-Romagna per gli interventi urgenti da realizzare dopo l'ondata di maltempo di maggio. La Giunta Bonaccini ha stanziato oggi 1,8 milioni di euro "per rispondere alle criticità più gravi aperte dalle piogge intense" del mese scorso.

Nel dettaglio sono previsti due interventi nel piacentino (130mila euro), sei nel parmense (419mila euro), quattro nel reggiano (490mila euro), otto nel modenese (300mila euro), quattro nel bolognese (145mila euro), due in provincia di Forlì-Cesena (240mila euro), quattro nel ravennate (335mila euro) e due nel riminese (95mila euro).

"La Giunta regionale ha deliberato uno stanziamento iniziale di risorse per fornire le risposte immediate più attese dalla popolazione- spiega l'assessore regionale all'Ambiente, Paola Gazzolo - i fondi permetteranno di riaprire strade interrotte, evitare o risolvere l'isolamento di abitazioni e centri abitati, mettere in sicurezza fiumi e versanti.

E proprio in questi giorni il Dipartimento nazionale sta chiudendo l'istruttoria sulla richiesta di stato di emergenza presentata dal presidente Stefano Bonaccini. Dalla prossima settimana il Governo sarà nelle condizioni di deliberare lo stato di emergenza, assegnando le risorse necessarie per continuare gli interventi di messa in sicurezza", annuncia l'assessore. (Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Elezioni Regionali Emilia-Romagna, i risultati: Bonaccini vince e va oltre il 50 per cento

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Regionali Emilia Romagna, le Sardine festeggiano e escono di scena: "Non siamo nati per stare sul palcoscenico. E' tempo di tornare alle nostre priorità"

Torna su
BolognaToday è in caricamento