Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca Via L. Pirandello

Apre un nuovo Despar a Imola, via a 65 assunzioni: come candidarsi al truck speciale per i colloqui vis-à-vis

In visita al punto per il reclutamento del nuovo personale l'assessore Pierangelo Raffini: "Non mi stupiscono i 100 cv che ogni giorno vengono consegnati"

Saranno circa un centinaio fra Imola, Castel San Pietro Terme e Lugo di Romagna, i nuovi collaboratori Despar per le aperture in programma il prossimo autunno. Ma è a Imola che si sta concentrando la ricerca del personale sullo speciale truck posizionato in via Pirandello, dove ci si può presentare per consegnare il proprio curriculum vitae: ogni giorno dal primo del mese ad oggi (il presidio resterà al Lungofiume fino al 16 giugno) sono stati consegnati circa un centinaio di candidature. E' dunque molto semplice in realtà partecipare alle selezioni: basta presentarsi al Parcheggio del Lungofiume muniti di cv ogni martedì, giovedì e venerdì dalle 11.00 alle 18.00 e il sabato dalle 10.00 alle 13.00.

La risposta degli imolesi non stupisce l'assessore ai lavori pubblici, centro storico e attività produttive del Comune di Imola, Pierangelo Raffini, che nel corso della sua visita al truck ha detto: “Sapere che ogni giorno vengano consegnati così tanti cv e che altrettanti incontri vis-à-vis vengano organizzati con possibili candidati, è un dato che mi fa molto piacere ed è un bellissimo segnale di attenzione al territorio da parte di una delle principali catene della GDO. Nonostante nel nostro territorio non ci siano problemi occupazionali, le persone riconoscono la solidità di questo brand e stanno manifestando un interesse molto alto verso le sue offerte lavorative. L’amministrazione comunale è impegnata nella tutela del lavoro con un'attenzione particolare al lavoro femminile, ideando programmi e progetti dedicati alle donne, in questo contesto siamo certi che l’espansione di Aspiag Service sul nostro territorio possa portare oltre che nuova occupazione anche uno sviluppo delle professionalità e un’apertura al dialogo su tematiche inerenti il mondo del lavoro e il sociale per noi molto rilevanti”.

WhatsApp Image 2021-06-10 at 15.20.38-2

L'assessore Raffini insieme al direttore regionale Despar Alessandro Urban all'interna del truck

L'idea dell'ufficio mobile per fare i colloqui di persona: "Dopo tanta virtualità, una modalità che per noi ha valore"

Aspiag Service, società concessionaria di Despar Triveneto e in Emilia-Romagna, ha infatti posizionato in corrispondenza delle aree interessate dagli ultimi investimenti alcuni speciali truck che rappresentano il luogo di incontro reale fra domanda e offerta. Un punto di riferimento dove poter presentare la propria candidatura e ricevere maggiori informazioni sulle posizioni aperte in Emilia Romagna. 
“Si tratta di presidi fisici attraverso i quali l’azienda entra nel territorio ancor prima delle aperture per stabilire un contatto reale con le persone che faranno parte della nostra grande famiglia che già oggi può contare su quasi 1.000 collaboratori in Emilia-Romagna. - spiega il direttore regionale Alessandro Urban – I nostri truck (che sono praticamente degli uffici su ruote) rappresentano la volontà di guardarsi in faccia (sebbene mascherati) e conoscersi reciprocamente. Una modalità per noi di valore, soprattutto dopo un anno fatto di tanta virtualità. I feedback sono stati positivi fin da subito e abbiamo raccolto un notevole numero di curricula e richieste di informazioni. Assumeremo 65 persone a Imola, 45 a Lugo e un numero crescente di personale è previsto per il centro di Castel San Pietro Terme, visto l'incremento della movimentazione merci e della nostra crescita in regione da qui ai prossimi anni.”. 

Il territorio emiliano-romagnolo è al centro della strategia di crescita aziendale e dopo le nuove 8 aperture del 2020, l’anno in corso vedrà il taglio del nastro per il nuovo centro direzionale e logistico di Castel San Pietro Terme (apertura prevista per fine settembre), l’Interspar di Imola (apertura prevista a fine novembre) e l’Eurospar di Lugo di Romagna (apertura prevista per la prima metà di settembre). 
Come spiega ancora Urban, è sempre un percorso attento alle realtà locali: “Il nostro obiettivo è la crescita delle opportunità e un innalzamento della qualità che favorisce a lungo termine la soddisfazione dei clienti e quindi dei cittadini. Fondamentale in tutto questo il rapporto e il supporto delle istituzioni, che ci trasmettono le esigenze del territorio perché poi le si possa tradurre in benefici concreti. La collaborazione è totale e ad ogni nostra apertura corrisponde un piano di riqualificazione e rigenerazione di aree talvolta abbandonate, una particolare attenzione alla sostenibilità e all’accessibilità, una viabilità che favorisca e metta in sicurezza pedoni e ciclisti”. 

Il marchio dell'abete in Emilia-Romagna: tanti investimenti previsti sul nostro territorio

Prosegue il trend di crescita di Aspiag Service in Emilia Romagna, dove il fatturato al pubblico complessivo ha totalizzato nel 2020 circa 310 milioni di euro, sia per gli esercizi diretti che affiliati, anche grazie una rete ancor più capillare sviluppata attraverso ben 8 nuove aperture (3 punti vendita diretti e 5 affiliati) nelle provincie di Bologna, Rimini e Ravenna, portando i collaboratori totali a 991. Ingenti anche gli investimenti per lo sviluppo della rete con 31,5 milioni di euro riversati direttamente sul territorio. Importante novità per il 2021 riguarda l’inaugurazione del nuovo magazzino logistico a Castel San Pietro Terme che coprirà una superficie totale di 18.000 mq con un investimento di 36 milioni di euro. 

Il rapporto con il territorio e la sostenibilità

Aspiag Service è fortemente legata ai propri territori di appartenenza: per questo, perseguendo i propri obiettivi di business, favorisce un modello di sviluppo fondato su processi solidali e legami sociali; risorse e competenze sono distribuite per sperimentare soluzioni innovative in grado non soltanto di rinnovare il tessuto industriale, ma anche di generare impatti sociali e ambientali positivi. Proprio sul fronte del sostegno al territorio e alle comunità locali l’azienda ha destinato quasi 1,6 milioni di euro nel 2020 a supporto di iniziative come raccolte fondi, donazioni e sponsorizzazioni sportive e culturali. Un’attività specifica di charity riguarda le donazioni di cibo a sostegno delle fasce più deboli della popolazione, con l’ulteriore obiettivo di abbattere lo spreco alimentare. Nel 2020, in collaborazione con Banco Alimentare, Last Minute Market e oltre 200 associazioni, sono stati donati 2,3 milioni di pasti destinati ai più bisognosi, per un valore complessivo di 5,7 milioni di euro. Rapporto con le comunità significa anche apprezzare le eccellenze agroalimentari del territorio: Aspiag Service si impegna da sempre per valorizzare le filiere corte con il marchio “Sapori del Territorio” che raccoglie oltre 3.000 referenze a scaffale provenienti da oltre 400 produttori locali.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apre un nuovo Despar a Imola, via a 65 assunzioni: come candidarsi al truck speciale per i colloqui vis-à-vis

BolognaToday è in caricamento