Castenaso: morto Dino, il re della pasticceria

E' scomparso all'età di 81 anni Dino Pirini. Fondò lo storico locale nel 1963

Dino Pirini / Foto Comune Castenaso

Castenaso è in lutto per la scomparsa di Dino Pirini, storico fondatore della pasticceria 'Dino', con sede in via Nasica a Castenaso, e in via Guglielmo Marconi a Casalecchio di Reno. Il re della pasticceria locale è morto nel pomeriggio all'età di 81 anni. Un uomo molto amato e stimato dalla comunità, che ha aperto il bar pasticceria nell'epicentro del comune, nel 1963.

L'impresa aprì con quattro addetti, raggiungendo poi standar elevatissimi. Nel 1972 la completa ristrutturazione del locale e un primo ampliamento, seguito da un ulteriore rinnovo nel 1984. Nel 1994 invece,  l'apertura del laboratorio specializzato nella lavorazione del cioccolato: un'altra eccellenza del territorio.

I funerali si svolgeranno giovedì 12 settembre, alle 11, nella chiesa Madonna del Buon Consiglio a Castenaso. La notizia della scomparsa di Dino si è subito rincorsa a Castenaso, e centinaia i messaggi di cordoglio. 

"Ricordo Dino con profonda stima e grande affetto, i suoi modi gentili, i gesti garbati, le parole equilibrate, lo sguardo dolce … una persona unica che accoglieva tutti con il sorriso sulle labbra" così il sindaco di Castenaso Carlo Gubellini su Facebook nell'apprendere la notizia della morte di Dino Pirini: una leggenda della pasticceria bolognese e un cittadino appassionato alla sua comunità. "Per tutti semplicemente 'Dino', un'insegna che a Castenaso  - sottolinea il primo cittadino - da cinquantasei anni non ha bisogno di presentazioni. Aprì la sua bottega in via Nasica nel 1963, ad appena 25 anni, con quattro addetti e molta voglia di preparare cose buone. Ci riuscì così bene che il suo nome, contraddistinto dalla celebre scritta in corsivo, crebbe in breve tempo nella zona al punto di allargarsi con nuovi punti vendita e svariati collaboratori. Nell'anniversario del mezzo secolo di attività commerciale, festeggiato nel 2013, Dino Pirini vide riconosciuto il suo lavoro in sede di Consiglio Comunale con la partecipazione del Prefetto e la consegna di una targa per la grande tenacia e l’impegno impiegati nella creazione di un’azienda che ha consolidato la propria presenza nel territorio, e diffuso il nome di Castenaso oltre la realtà locale".

Pirini, che ebbe tra i suoi apprendisti pasticceri nientemeno che il campione del mondo dell'arte dolciaria Gino Fabbri, è stato presidente di Confesercenti, quindi del Comitato Commercianti Castenaso Com.Com. Ascom nonché della società sportiva Castenaso Calcio. Una realtà che lo ha visto protagonista anche della vita civile e sociale: Pirini fu consigliere comunale tra gli anni '80 e '90.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Rivoluzione orari della 'movida', parte esperimento. Lepore: "Cercheremo di dettare una nuova tendenza"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • Accoltellamento sul treno: due feriti, treni in ritardo

Torna su
BolognaToday è in caricamento