rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Cronaca

Disabilità in piazza: musica e carrozzine nel segno dell'inclusione

Nutrito il corteo che ha sfilato nel centro di Bologna per il primo Disability Pride felsineo

Nutrito il corteo che ieri - 2 ottobre - ha attraversato il centro di Bologna sotto l'insegna del Disability Pride. Un carosello di musiche e carrozzine, nel segno dell'inclusione, seguendo lo slogan "Corpi differenti, per pari dignità e diritti".

Disabili e non si sono dati appuntamento sotto le torri, uniti nella volontà di sensibilizzare sul tema: "Sono state due giornate pazzesche dove abbiamo portato il virtuale nel reale dove abbiamo incontrato tantissimi sorrisi. dove abbiamo attraversato l'indipendenza a cui ha diritto ogni Essere Umano. Grazie a chiunque c'è stato, ci ha supportate e sostenute. Un grande grazie immenso senza dimenticare nessuno. Sarà solo l'inizio... A presto!"

Così il messaggio degli organizzatori. Tra questi c'è Elena, 30 anni, che da quando è nata ha una paralisi cerebrale e un disturbo del neurosviluppo. Dal 2020, spinta dalla necessità di essere più indipendente, vive con Margherita che in cambio di un posto letto aiuta Elena quando non c'è l'assistenza e contribuisce alle spese domestiche. BolognaToday le ha incontrate - alla vigilia della parata -  per conoscere meglio  Indi Mates,  il progetto che punta a diventare un esempio anche per altre persone con disabilità e che quest'anno ha appunto portato per la prima volta a Bologna il Disability Pride .

Oltre la disabilità: a casa di Ele e Marghe, coinquiline per scelta | VIDEO 

Cos'è il Disability Pride

Il Disability Pride Network (DPN), è una rete costituita da diverse realtà, oltre che da tante persone con disabilità e persone non disabili, che condividono gli stessi valori e obiettivi.Si tratta di una rete nazionale ed internazionale aperta, in continua espansione, che intende promuovere ed affermare un nuovo modo di vivere, pensare e valorizzare la disabilità.

Il Disability Pride Network è stata dunque occasione per fare sentire potente la voce delle persone con disabilità, dei loro cari, dei loro amici, dei loro ‘alleati’ non disabili.  Sono voci generalmente flebili e disperse nei territori, spesso chiuse dentro qualche muro reale o virtuale che sia. Ieri a Bologna queste voci sono state 'liberate'. E hanno vibrato, sotto gli occhi della città.

corteo-9-3

(Il post di orgoglio sulla pagina Instagram di Indi Mates dopo il Disability Pride)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disabilità in piazza: musica e carrozzine nel segno dell'inclusione

BolognaToday è in caricamento