Discarica di Castel Maggiore, la Regione non esclude ampliamento

Se ne è parlato in question time

La Regione non chiude le porte all'ampliamento della discarica di Castel Maggiore, nel bolognese. Interpellato dai Verdi, oggi al question time il sottosegretario alla presidenza della giunta Davide Baruffi ha sostenuto che "il modello di gestione dei rifiuti di questa Regione può essere preso ad esempio per efficienza ed efficacia" e che la discarica è "una forma residuale di gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna".

Per quanto riguarda però la discarica di Castel Maggiore, "tratta rifiuti speciali, che non sono oggetto di pianificazione e il quantitativo di rifiuti che viene trattato risulta coerente. Per quanto riguarda la richiesta di ampliamento, è stata appena avviata, quindi ci si potrà esprimere solo a valutazione depositata".

Parole che non hanno affatto tranquillizzato la consigliera regionale di Europa Verde Silvia Zamboni, che chiedeva invece la chiusura della discarica alla luce del piano regionale dei rifiuti. "Resta il problema di una discarica in zona abitata alta otto piani che continua ad essere alimentata. Hera- secondo la consigliera ambientalista- potrebbe avere le spalle abbastanza larghe per trovare alternative".

Preoccupati anche i 5 stelle. "Le parole del sottosegretario Baruffi oggi in aula ci fanno temere che l'ampliamento della discarica di Castel Maggiore sia quanto mai prossimo", afferma la consigliera regionale Silvia Piccinini. "Si tratterebbe di una decisione scellerata che va contro il volere di un'intera comunità e che smentisce clamorosamente quanto affermato anche dalla sindaca Gottardi che, in campagna elettorale, aveva assicurato che non avrebbe avallato ulteriori deroghe".

"Affermare che su questo progetto non è stata presa ancora nessuna decisione definitiva ma che il suo ampliamento sarebbe comunque in linea con il piano regionale dei rifiuti di certo non ci fa ben sperare", aggiunge ancora Piccinini. In questo modo la Regione "continua ad avvallare azioni che vanno nella direzione diametralmente opposta a quella prospettata in campagna elettorale sul fronte della sostenibilità ambientale e di un'eventuale svolta green".

La discarica di Castel Maggiore, anche secondo ii 5 stelle "dovrebbe già essere chiusa e invece oggi si prospetta un suo ampliamento che arrecherà un danno sempre più grave al nostro territorio. Come dimostra il caso di Baricella, quando c'è la volontà politica di dire no a questi progetti le discariche non si fanno e non si ampliano. Regione e Comune devono opporsi in modo netto". (Bil/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +2723 contagi, 47 morti (25 a Bologna)

Torna su
BolognaToday è in caricamento