Assalto al distributore nella notte, con la ruspa: "Tutto in pochissimi minuti"

Colpita una stazione di servizio in Valsamoggia. Le colonnine del contante sventrate con una pala meccanica

"Hanno fatto tutto in pochissimi minuti". Ne è convinto Claudio Ricci, 70 anni, gestore della stazione di servizio alle porte di Valsamoggia, seriamente danneggiata da un assalto notturno di un gruppo di ladri, che per impossessarsi del contante contenuto nei distributori hanno utilizzato una pala meccanica, recuperata da una azienda vicina.

Il 'colpo' è andato in scena nella notte tra il 10 e l'11 giugno. A Ricci hanno telefonato le forze dell'ordine, informandolo dell'allarme scattato nella stazione di servizio. Quando sono arrivati sul posto però già dei malviventi non c'era più traccia.

Sembra che il gruppo abbia approfittato di alcune stradine di campagna, le cosiddette 'cavedagne', per portare una pala meccanica da demolizione in loco. Con l'aiuto del mezzo poi, i ladri hanno sventrato i due robusti paraurti a protezione delle colonnine che custodiscono il contante, erette proprio per evitare spaccate con mezzi convenzionali, come un furgone in retromarcia.

Le protezioni però non hanno potuto reggere la potenza idraulica della ruspa: i malviventi si sono così impossessati delle colonnine e le hanno portate via, forse con l'aiuto di un mezzo, per scassinarle al sicuro lontano dal luogo del furto. "Saranno decine di migliaia di euro di danni" dettaglia Claudio, sebbene l'intero costo andrà addebitato alla compagnia di carburante.

In passato lo stesso distributore era già stato preda dei ladri, ma con un metodo più raffinato. "Un paio di anni fa -racconta il 70enne- erano riusciti a sollevare la colonnina e ha prelevare le banconote con il biadesivo. Una cosa che non la fai se non sai dove cercare". Per questo Claudio è convito che "chi fa queste cose, secondo me, è uno del mestiere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento