menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La consegna dell'assegno di Despar

La consegna dell'assegno di Despar

Raccolti 26 mila euro in 15 giorni alle casse dei supermercati: "Sosterranno i centri anti-violenza"

Loretta Michelini, associazione MondoDonna Onlus: "Questi soldi basteranno per sostenere un intero anno di sportelli anti-violenza. Una generosità inaspettata in un anno così difficile"

"Grazie a questo assegno potremo sostenere un intero anno di sportelli antiviolenza dedicati alle donne e distribuiti su tutto il territorio"Loretta Michelini, presidentessa dell'associazione MondoDonna Onlus non si aspettava una tale generosità: oltre 26 mila euro raccolti nei supermercati Despar in sole due settimane, frutto della donazioni dei clienti emiliano-romagnoli che hanno deciso di arrotondare gli scontrini della spesa a favore di una buona causa. La consegna del premio, avvenuta nel pomeriggio di ieri presso il punto vendita della Barca, era sì programmata (un giorno dopo l'8 marzo, in segno che la lotta per le donne non si segna sul calendario), ma l'associazione non aveva idea della cifra raggiunta e la sorpresa è stata bella e grande. MondoDonna Onlus a Bologna ha uno sportello anti-violenza centrale in Piazza San Francesco e altri 7 sparsi per tutta l'area metropolitana: qui persone altamente specializzate come educatori, psicologi e avvocati, 

Pandemia: più sforzi per aiutare le donne, impennata della generosità dei donatori 

Il dato che fa riflettere è che lo scorso anno la cifra della raccolta si aggirava intorno ai 3 mila euro e nell'annus horribilis della pandemia, che ha imposto una convivenza maggiore e forzata con gli uomini maltrattanti aggravando tante situazioni già delicate, ecco che i numeri fanno un'impennata: "L'importo che vedo scritto su questo assegno significa che le persone hanno a cuore le donne - spiega Loretta Michelini, emozionata - e con questa cifra mai vista prima potremo fare tantissimo: addirittura sostenere i nostri sportelli per un anno intero! Il genocidio di genere è una realtà e c'è bisogno di una legge dedicata al tema, per la tutela di tutte le donne. Sono molto grata a questa iniziativa e alle persone che ci sono dietro perchè è un aiuto concreto e di attenzione al problema crescente della violenza di genere, sicuramente aggravato, nel quadro delle violenze domestiche, anche dall’emergenza pandemica che stiamo vivendo e che impone una convivenza maggiore e forzata con gli uomini maltrattanti". Non solo tanto, ma anche in fretta. La  generosità dei clienti Despar è arrivata al risultato dei 26 mila euro in soli 15 giorni, dal 20 febbraio al 7 marzo 2021. 

E c'è anche molta coerenza visto che l'iniziativa parte da un'azienda che può contare su un bel 65% di dipendenti al femminile: "Le donne che sosteniamo sono le stesse con cui lavoriamo, quelle con cui parliamo, quelle che passano dai nostri punti vendita per fare la spesa - ha detto Patrizia Pituelli, Direttore Vendite canale Despar ed Eurospar di Aspiag Service - Giunta alla sua settima edizione questa iniziativa dedicata alle donne conferma la nostra volontà di essere vicini alle persone, in particolare a quelle più fragili, e di impegnarci per contribuire alla sensibilizzazione su grandi questioni che affliggono la nostra società come la violenza di genere, che purtroppo la pandemia ha reso più acuta". 

Un forte segnale di solidarietà: "Siamo in prima linea"

La raccolta fondi ha riguardato anche i punti vendita di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e complessivamente sono stati raccolti 261.287 euro: al momento del pagamento della spesa, i clienti dell'insegna dell'abete hanno scelto di "arrotondare" lo scontrino per 386.885 volte. Per l'Emilia-Romagna ha parlato il Direttore Regionale Aspiag Service Alessandro Urban: "Anche quest'anno, nonostante le difficoltà causate dall'emergenza sanitaria 'Il mondo ha bisogno delle donne' si è confermata una delle attività di charity più sentite da tutto il mondo Despar e la risposta è stata molto significativa. Abbiamo raggiunto in regione un obiettivo importante che andrà a supportare una realtà del territorio impegnata in prima linea". 

I numeri dell'Emilia-Romagna: 22 mila donazioni che sosterranno le persone con fragilità

In Emilia Romagna sono state oltre 22 mila le donazioni effettuate, per un importo pari a 26.884 euro. I fondi raccolti in regione saranno donati all'Associazione MondoDonna Onlus, un punto di riferimento in regione per il contrasto alla violenza di genere, per l’accoglienza di donne e famiglie migranti e in generale per il sostegno alle persone con fragilità. MondoDonna Onlus gestisce diverse strutture a Bologna e nel territorio della Citta Metropolitana in cui fornisce assistenza a donne in situazione di disagio socioeconomico, lavorativo e psico-sociale, con minori a carico e prive di occupazione stabile, con una specificità nel settore dell'immigrazione femminile.

Da sette anni MondoDonna Onlus ha attivato un Centro antiviolenza, CHIAMA chiAMA, a cui saranno destinati i fondi della raccolta. Si tratta di un servizio di aiuto e sostegno totalmente gratuito e aperto a tutte le donne del territorio metropolitano di Bologna e nel distretto di Riccione: italiane e straniere, sole o con figli, vittime di violenza. Nei casi più gravi e urgenti, le Case Rifugio dei Centri offrono alle vittime un luogo protetto in cui vivere.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento