rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Porretta Terme

L'Assessore Donini 'ispeziona' i treni dei pendolari, Trenitalia: 'Soddisfazione'

'Non possiamo che esprimere soddisfazione per l'esito positivo del suo viaggio che, in realtà, non ci sorprende' fa sapere Trenitalia, ma contesta la posizione dell'Unione Pendolari

Bologna-Porretta andata e ritorno. Con partenza alle 5.52 da Bologna Centrale e arrivo a Porretta alle 7.04, con il treno regionale 11431, e ritorno da Porretta alle 7.18 (a Bologna alle 8.32) con il regionale 11470.
Con quella di oggi sulla Porrettana, l’assessore ai Trasporti della Regione Raffaele Donini ha avviato una serie di ispezioni periodiche, che svolgerà di persona, lungo le linee ferroviarie dell’Emilia-Romagna (sia quelle gestite da Fer che da Rfi), nelle fasce orarie più frequentate dai pendolari.
Obiettivo, verificare le condizioni del servizio e controllare il rispetto degli standard previsti di puntualità e affidabilità.

"Apprendiamo dalle agenzie di stampa dell’ispezione dell’assessore ai Trasporti della Regione Emilia Romagna sulla linea Porrettana. Non possiamo che esprimere soddisfazione per l’esito positivo del suo viaggio che, in realtà, non ci sorprende" fa sapere in una nota Trenitalia che sottolinea "nel mese di febbraio, a titolo di esempio, il 92% dei collegamenti garantiti da Trenitalia su quella linea è arrivato a destinazione in orario, percentuale che sale al 95% se si escludono i ritardi provocati da cause esterne (maltempo, danni a passaggi a livello…). Certo, singoli episodi possono – occasionalmente - compromettere la regolarità del servizio, ma sia le imprese di trasporto che il gestore dell’infrastruttura sono fortemente impegnati per ridurne l’incidenza"

Trenitalia contesta però l’affermazione del presidente del Crufer - Unione Pendolari - quando parla di anomalie diffuse e di ritardi del 50% dei treni fra Bologna e Rimini: "Su quest’ultima linea, ancora a febbraio, l’88,5% dei Regionali ha viaggiato in orario, percentuale che supera il 90% se, di nuovo, si escludono cause di ritardo non dipendenti dal gruppo FS. Auspichiamo, così come il Crufer, un sostanziale rinnovo del parco mezzi di Trenitalia dedicati al trasporto regionale dell’Emilia Romagna. Non risponde però al vero l’affermazione che il treno più giovane in circolazione oggi avrebbe già 30 anni di vita. Basti pensare alle locomotive 464 – in servizio a partire dalla metà degli anni 2000, o ai convogli TAF e Vivalto, anch’essi di più recente introduzione. Il rinnovo dei treni è già una realtà in molte regioni, favorito dagli accordi stabiliti nell’ambito dei Contratti di Servizio fra Trenitalia e Amministrazioni regionali".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Assessore Donini 'ispeziona' i treni dei pendolari, Trenitalia: 'Soddisfazione'

BolognaToday è in caricamento