Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza Franklin Delano Roosevelt

"L'assenza spettacolare", anche il settore cultura-spettacolo protesta vs le misure anti-Covid

Manifestazione oggi in piazza Roosvelt contro gli effetti delle misure anti-Covid emanate dal Governo sul settore cultura-spettacolo e per chiedere l'istituzione di un tavolo permanente tra le parti sociali e più tutele per i lavoratori atipici

Risuona del grido di dolore dei lavoratori piazza , dove oggi ha luogo la manifestazione regionale in occasione della giornata nazionale di mobilitazione "L'assenza spettacolare". L'iniziativa è promossa da Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil per protestare contro gli effetti delle misure anti-Covid emanate dal Governo sul settore cultura-spettacolo e per chiedere l'istituzione di un tavolo permanente tra le parti sociali e più tutele per i lavoratori atipici. 

Quella di oggi è l'ennesima mobilitazione di dissenso contro il mini lockdown decisod al Governo. Dai bar ai ristoranti, dalle palestre, alle fiere. E non solo. Sono tanti i comparti che si sentono danneggiati dalle misure sancite dall'ultimo decreto Conte. 

Teatri e cinema chiusi, sfoghi dal settore: "Criteri di assoluta sicurezza, la controproposta? Il buonsenso" 

Poche ore prima la rabbia all'ombra del Nettuno

Solo ieri sera a sbandierare striscioni al vetriolo erano i lavoratori riuniti all'ombra del Nettuno da Usb Bologna ed Emilia-Romagna che, in contemporanea con la manifestazione di Napoli, hanno protestato e contro le misure anti-Covid  e vs la mancanza di ammortizzatori sociali adeguati, chiedendo al Governo: "Se ci chiudi, tu ci paghi"

Usb: "La nostra è una piazza diversa"|VIDEO 

Dai locali, al mondo dello sport. Bologna si mobilita vs il Dpcm

Lo scorso mercoledì piazza Maggiore è stata teatro di una mobilitazione pacifica, condivisa da associazioni categoria, gruppi e singoli lavoratori, dai tassisti agli operatori della cultura, dello sport, del turismo. Stesso lo slogan dei manifestanti: "Tu chiudi e tu ci paghi. Se il governo ci chiude il governo ci paga. Non siamo criminali, ma lavoratori".

.Lacrime dalla Piazza: "c'è chi è rimasto in mutande" (e le manda a Conte)

Risale invece al giorno prima il flash mob voluto da Cna , sempre in attacco all'ultimo Dcpm: gestori di palestre, tassisti, allestitori di fiere ed eventi e ristoratori si sono riuniti, davanti ai palazzi della regione, sotto lo slogan "Non spegnete le imprese". Lamentando - tra le altre cose - di aver sostenuto forti investimenti nei mesi scorsi per adeguarsi alle nuove norme anticovid e poi di vedersi invece costretti a serrate, totali o anticipate. 

C'è poi chi ha fatto rumore con altri mezzi. E' il caso della star della pasticceria, Gino Fabbri, che ha deciso di solidalizzare con i colleghi lasciando chiuso anche a pranzo il suo locale di Granarolo. "Abbiamo scelto di chiudere in pausa pranzo per solidarietà e aiuto nei confronti dei colleghi ristoratori" -si legge in un messaggio social. Si tratta di una scelta "per favorire colleghi che vengono penalizzati dal nuovo decreto pur avendo spazi perfetti".

Non è mancato neppure  anche chi ha deciso di non piegarsi a quanto impone il decreto del 25 ottobre scorso. E' il caso del bistrot Bonaccorsi all'angolo tra viale Aldini e via Saragozza. Il titolare, Giorgio Perna, ha deciso infatti di tenere su le saracinesche del locale, anche  oltre le 18.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'assenza spettacolare", anche il settore cultura-spettacolo protesta vs le misure anti-Covid

BolognaToday è in caricamento