Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Camion sospetti in San Donato: la Mobile sequestra 26 Kg di 'erba'

La droga era stipata nel vano di carico sotto al rimorchio. Negli ultimi giorni si erano registrate diverse soste sospette in un'area di servizio nei pressi del parco commerciale Meraville

 

26 Kg di marijuana sono stati sequestrati dalla Mobile di Bologna al termine di un controllo a sorpresa in San Donato, alla fine del quale è stato arrestato il conducente del mezzo pesante. Il blitz è scattato nella mattina del 20 dicembre scorso, ma i particolari della vicenda sono stati resi noti solo ora.

A finire in manette D.P, 38 anni, cittadino italiano originario della Sardegna, con alcuni precedenti per reati contro il patrimonio. Il soggetto, alla guida di un mezzo che formalmente trasportava un carico di frutta e verdura, è stato fermato nel parcheggio di una area di servizio di viale Tito Carnacini, a poca distanza dal parco commerciale Meraville.

Negli ultimi tempi, presso quella stessa area di sosta, era stato segnalato un via vai sospetto di mezzi pesanti, che vi effettuavano lunghe soste.

Alla richiesta dei poliziotti di fornire i documenti l’uomo ha reagito palesando una fortissima agitazione e nervosismo che hanno indotto gli agenti ad approfondire il controllo e ad effettuare una perquisizione sul mezzo.

La perquisizione ha dato esito positivo: nel vano di servizio sotto al rimorchio sono stati rinvenuti quattro scatoloni contenenti complessivamente 26 buste di marijuana tutte da circa 1kg l’una, per un totale di 27 kg di sostanza stupefacente. La stima di mercato ammonta a circa 150mila euro. Il 38enne ora è in carcere e dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento