rotate-mobile
Cronaca Centro Storico / Piazza XX Settembre

Droga in zona Montagnola: due arresti e quattro segnalazioni

Sequestrati hashish, cocaina e marijuana

Due arresti e quattro segnalazioni. Questo il bilancio di un servizio di contrasto al traffico e all’uso di sostanze stupefacenti operato dai carabinieri nelle ultime ore in zona Montagnola. I soggetti finiti in manette sono un 18enne residente nel padovano e un 35enne marocchino, senza fissa dimora.

Il primo è stato arrestato in piazza XX Settembre, mentre stava cedendo una dose di hashish a un  41enne residente in provincia di Bologna. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, lo spacciatore, gravato da precedenti di polizia, è stato rimesso in libertà (Art. 121 delle disposizioni attuative del c.p.p.). Nei confronti dell’acquirente è scattata una segnalazione alla Prefettura di Bologna per uso personale di sostanze stupefacenti.

Il secondo, invece, è stato arrestato nei pressi del “Parco della Montagnola” a seguito di un “Ordine di carcerazione” che la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bologna aveva emesso nei suoi confronti lo scorso dicembre, dovendo espiare 5 mesi e 28 giorni di reclusione e una pena pecuniaria di 2.000 euro, per violazioni in materia di sostanze stupefacenti. L’arrestato, gravato da numerosi precedenti di polizia e già arrestato in occasione di un servizio anti droga dei Carabinieri, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Bologna.

Infine, durante il servizio, che ha visto la partecipazione dei Carabinieri del Nucleo Cinofili di Bologna, sono stati controllati trenta veicoli e identificate ventuno persone. Tra queste, un 33enne di Valdobbiadene (TV), un 18enne e un 15enne, entrambi residenti in provincia di Rovigo, sono stati segnalati alla Prefettura di Bologna per uso personale di sostanze stupefacenti, in quanto trovati in possesso di piccole dosi di hashish, cocaina e marijuana.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga in zona Montagnola: due arresti e quattro segnalazioni

BolognaToday è in caricamento