rotate-mobile
Cronaca Via Tommaso Casini

Uno Bianca| Eccidio del Pilastro, la mamma: "solo 11 mesi di galera per ogni vita spezzata, mai fuori"

Annamaria Stefanini, madre del carabiniere Otello, riceve l'abbraccio del Arcivescovo Zuppi. E sulla possibile scarcerazione attacca: "queste persone non dovranno uscire mai"

Si è svolta stamane la commemorazione della strage del Pilastro, commessa 26 anni fa dalla cosiddetta "banda della Uno Bianca" ai danni dei tre carabinieri Otello Stefanini, Andrea Moneta, e Mauro Mitilini. Dopo una messa, celebrata dall'arcivescovo Zuppi nella vicina chiesa di S. Caterina, il corteo si è spostato al vicino cippo commemorativo, dove è avvenuta la benedizione del monumento.

Presenti diverse autorità politiche, tra cui l'Assessore alla Sicurezza Malagoli, il segretario del Pd Critelli, e il capogruppo Claudio Mazzanti. Anche il procuratore capo della Repubblica Giuseppe Amato, assieme all'aggiunto Giovannini, hanno voluto rendere omaggio alle famiglie delle vittime.

Uno Bianca: 26° anniversario eccidio pilastro

E proprio dalla madre di uno dei tre militari uccisi parte la riflessione sui risvolti giudiziari della vicenda. «Rendiamoci conto che queste persone stanno scontando solo 11 mesi per ogni vittima da loro asassinata, 22 anni per 24 omicidi» è il commento a caldo di mamma Stefanini. A chi gli chiedeva del ricorso alla corte di Strasburgo presentato da Fabio Savi, uno dei killer della banda, per una scarcerazione anticipata Stefanini risponde: «Queste persone non si sono mai pentite, a loro piaceva uccidere. Non dovrebbero uscire mai».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uno Bianca| Eccidio del Pilastro, la mamma: "solo 11 mesi di galera per ogni vita spezzata, mai fuori"

BolognaToday è in caricamento