rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Cronaca

Un anno fa la rielezione di Bonaccini: "Ricordo ancora l'emozione, poi mesi durissimi"

"Se quel giorno di un anno fa ci avessero detto cosa i mesi successivi ci avrebbero riservato, nessuno di noi ci avrebbe creduto"

Le elezioni del 26 gennaio del 2020 decretaromo la rielezioni di Stefano Bonaccini alla guida della Regione Emilia-Romagna con una percentuale del 51,4% contro il 46,68 della sfidante leghista Lucia Borgonzoni

"Ricordo come fosse ora l’emozione e la commozione di tanti, la Casa dei Popoli di Casalecchio di Reno che raggiunsi all’una di notte - scrive oggi il presidente su Facebook - un’affluenza alle urne di quasi il 70%. La volontà di difendere i valori di questa terra - democrazia, libertà e solidarietà-, ma anche la volontà di fare un passo avanti e di continuare a cambiare, per fare dell’Emilia-Romagna la regione del lavoro e dell'impresa, dei diritti e dei doveri, della conoscenza e della sostenibilità".

"La nostra regione per prima, insieme alla Lombardia, a subire l'assalto del Covid col focolaio tra il basso lodigiano e Piacenza"

"Se quel giorno di un anno fa ci avessero detto cosa i mesi successivi ci avrebbero riservato, nessuno di noi ci avrebbe creduto. Una pandemia mondiale senza precedenti; il nostro Paese primo fra quelli occidentali ad esserne investito; e all’interno, la nostra regione per prima, insieme alla Lombardia, a subire l'assalto del Covid col focolaio tra il basso lodigiano e Piacenza - rileva Bonaccini - mesi durissimi, una sofferenza indicibile, con migliaia di vittime, donne e uomini che non ci sono più e che hanno lasciato un vuoto incolmabile nelle loro famiglie e nelle loro comunità. Reparti ospedalieri strapieni, nuovi padiglioni da allestire con terapie intensive, la nostra vita in larga parte stravolta. No, tutto questo non c'era davvero nei nostri pensieri di un anno fa. Ma la risposta degli emiliano-romagnoli, lasciatemelo dire, è stata altrettanto straordinaria, con lo spirito e la forza che ha permesso a questa terra di resistere e di rialzarsi ogni volta, dopo la guerra o dopo il sisma del 2012". 

"Serve un Governo solido"

Bonaccini si sofferma amche sull'attule crisi di Governo: "Ci siamo lasciati alle spalle un 2020 terribile con la speranza che il nuovo anno possa davvero essere quello della ripartenza e della speranza. Io sono sicuro che sarà così, che ce la faremo. Serve però senso di responsabilità da parte di tutti, a partire da chi guida il Paese e le istituzioni. Serve un Governo solido che porti l'Italia fuori dalla pandemia con la più grande campagna vaccinale della storia, con un piano di ricostruzione che per la prima volta può contare su risorse straordinarie che vengono dall'Europa, con la capacità di essere vicino ai territori, alle categorie economiche che soffrono di più, alle preoccupazioni delle famiglie e alle inquietudini dei più giovani. Si può fare e bisogna farlo". 

E ricorda il nuovo Patto per il Lavoro e per il Clima con sindacati e imprese, enti locali e università, scuola e Terzo settore, professioni e banche, sottoscritto poco recentemente: "Una grande sfida può essere vinta solo se la si affronta assieme, è questo il nostro messaggio a tutto il Paese".

Il rilancio della regione dopo la pandemia, un "Patto per il lavoro e il clima, la transizione giusta" 

Prr il presidente è necessario "rimboccarci le maniche per ripartire, insieme, sostenendo chi ora è più in difficoltà e realizzando tutti i cambiamenti necessari per fare dell'Italia un Paese più moderno e più giusto. La pandemia ci ha colpito in maniera drammatica, ma questo non ci impedirà di rialzarci, come le cittadine e i cittadini di questa terra hanno sempre fatto. Perché siamo l’Emilia-Romagna. E perché, insieme, vogliamo riprendere in mano la nostra vita e il nostro destino". 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un anno fa la rielezione di Bonaccini: "Ricordo ancora l'emozione, poi mesi durissimi"

BolognaToday è in caricamento