rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

L'Emilia Romagna è rosso scuro per l'Europa: il perchè della nuova 'tonalità' e cosa cambia per i cittadini

Con il colore rosso scuro, che si aggiunge agli altri già presenti nella mappa (verde, arancione, rosso e grigio), vengono indicati i territori in cui il tasso di notifica di nuovi casi negli ultimi 14 giorni è superiore a 500 persone ogni 100mila abitanti.

Emilia-Romagna e Trentino Alto Adige (province autonome di Trento e Bolzano). Sono queste le due regioni italiane colorate in rosso scuro nella mappa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) sull'incidenza dei contagi da coronavirus nell'Ue aggiornata a 4 marzo: tutte le altre regioni italiane sono nell'area arancione, mentre la Sicilia e la Sardegna sono state promosse nell'area gialla, quella con una bassa incidenza di contagi da coronavirus. Nel resto d'Europa, la situazione migliora nella penisola iberica, in Germania e Danimarca, ma resta critica in Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia al confine con l'Italia, e in Francia alla frontiera con il Belgio e il nostro Paese.

Emilia-Romagna rosso scuro: cosa cambia?

La mappa viene aggiornata dall'Ecdc ogni giovedì sulla base dei dati ricevuti dai singoli Stati fino a martedì e riguarda le restrizioni da imporre sulla libera circolazione dei cittadini nell'Ue. I colori delle zone a rischio covid simulano l'applicazione della raccomandazione sulle restrizioni di viaggio interne all'Ue. Secondo questa raccomandazione, che mira a contrastare la diffusione delle nuove varianti del coronavirus Sars-CoV-2, per chi proviene da una regione in "rosso scuro" gli Stati membri dovrebbero richiedere di effettuare un tampone prima dell'arrivo e trascorrere un periodo di quarantena. Si tratta di raccomandazioni e non di misure restrittive imposte dai governi.

Emilia Romagna in rosso scuro: il perchè della nuova 'tonalità' 

Con il colore rosso scuro, che si aggiunge agli altri già presenti nella mappa (verde, arancione, rosso e grigio), vengono indicati i territori in cui il tasso di notifica di nuovi casi negli ultimi 14 giorni è superiore a 500 persone ogni 100mila abitanti. Le regioni si trovano invece in zona rossa se l'incidenza è tra i 50 e i 150 casi ogni 100mila abitanti e il tasso di positività dei tamponi è superiore al 4% o quando l'incidenza è superiore ai 150 ma inferiore ai 500 casi ogni 100mila abitanti, anche in caso di minore tasso di positività ai tamponi.

I nuovi colori delle regioni nell'ordinanza del 5 marzo

La mappa dei colori "effettivi"  delle regioni italiane sarà ridefinita domani. Mezza Italia è a rischio zona rossa e arancione, con alcune regioni che potrebbero ritrovarsi nelle aree a maggiori restrizioni covid dopo la nuova ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza. In zona rossa da lunedì 8 marzo, dopo il consueto report del venerdì dell'Istituto superiore di sanità, potrebbero finire l'Emilia-Romagna intera, la Campania e l'Abruzzo. A rischio zona arancione ci sono invece Calabria, Friuli-Venezia Giulia e Veneto, mentre Lazio e Puglia sono al limite dei parametri che fanno scattare le aree a maggiori restrizioni. La Lombardia, invece, passa in zona arancione scuro o "rafforzata" da subito, già dalla mezzanotte tra giovedì e venerdì e fino a domenica 14 marzo. Il governatore Attilio Fontana ha firmato una nuova ordinanza che prevede la chiusura delle scuole di ogni grado, asili nido esclusi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Emilia Romagna è rosso scuro per l'Europa: il perchè della nuova 'tonalità' e cosa cambia per i cittadini

BolognaToday è in caricamento