Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Black-out Enel: "I rimborsi avverrano in automatico in bolletta'

Enel spiega come ottenere gli indennizzi e chi ne ha diritto. Intanto Bonaccini: 'Scuse ben accette, ma in futuro non si deve ripetere più una situazione simile. Ora ci presentino piano di manutenzione'

Le scuse di Enel sono "bene accette", ma solo se "in futuro non si ripeterà più una situazione del genere". Per questo la società elettrica deve "approntare e ci deve presentare un piano di manutenzione per capire come evitare questi danni in futuro". A dirlo è  il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, aggiungendo: "Faremo la nostra parte per stare vicino ai Comuni e ai territori che hanno subito i danni", assicura Bonaccini, che conta di avere "a breve una stima dei danni. E sono convinto che la richiesta di stato di emergenza verrà accolta dal Governo".

In Emilia ancora nelle ultime ore si facevano i conti con gli strascichi del blackout che ha lasciato al buio circa 500.000 cittadini a causa della nevicata di venerdì. "Certamente ci sono state cause eccezionali - prosegue Bonaccini- ma mi auguro che davvero, che Enel  rimborserà i cittadini rimasti al buio per giorni".

RIMBORSI, COME OTTENERLI. "Non sarà necessario presentare alcuna richiesta o domanda per ottenere gli indennizzi automatici previsti dall'Autorità per l'energia elettrica gas e sistema idrico per le interruzioni di energia elettrica dovute all'eccezionalità e intensità delle nevicate che hanno interessato nei giorni scorsi l'Emilia- Romagna e la Lombardia". Lo annuncia una nota di Enel assicurando che i suoi clienti "troveranno infatti l'indennizzo accreditato direttamente nella bolletta del loro venditore di energia e sarà riconosciuto indipendentemente dalla responsabilità all'origine dell'interruzione della fornitura".

RISARCIMENTO DANNI. Resta da vedere se i rimborsi fermeranno le varie class action a cui stanno pensando vari Comuni colpiti dalla neve e rimasti al buio e varie associazioni di difesa dei consumatori (peraltro non tutte sono convinte dell'utilità di una class action). Enel, dal canto suo, spiega che la delibera dell'Autorità per l'energia, la numero 198/11, prevede infatti che, "in caso di interruzioni di energia elettrica di durata superiore a determinati limiti, vengano riconosciuti ai clienti del sistema elettrico specifici indennizzi erogati automaticamente". Gli importi saranno calcolati "sulla base di parametri stabiliti dalla Autorità stessa, tra cui la durata dell'interruzione, il numero di abitanti della zona interessata e la tipologia di cliente".

CHI HA DIRITTO AGLI INDENNIZZI. In particolare, specifica Enel, hanno diritto all'indennizzo i clienti di bassa tensione che subiscono un'interruzione di almeno otto ore nei comuni con più di 50.000 abitanti, di oltre 12 ore per comuni tra i 5.000 e i 50.000 abitanti e oltre le 16 ore per i Comuni più piccoli. Per quel che riguarda gli intestatari di forniture di media tensione, le interruzioni devono essere almeno di quattro ore nei Comuni con oltre 50.000 abitanti, sei ore per quelli tra 5.000 e 50.000 abitanti e oltre le otto ore per i Comuni più piccoli. Gli indennizzi verranno trasferiti da Enel Distribuzione ai venditori entro la prima fatturazione utile del servizio di trasporto, decorsi 60 giorni dalle interruzioni. A questi tempi "vanno aggiunti quelli necessari ai venditori per trasferire l''indennizzo ai clienti direttamente in bolletta", conclude Enel.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Black-out Enel: "I rimborsi avverrano in automatico in bolletta'

BolognaToday è in caricamento