rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

Epatite C: oltre 100mila le persone in infette in Emilia Romagna, ma solo 30mila sanno di esserlo

E' la più comune causa di malattia cronica epatica. I consiglieri PD Zappaterra e Calvan hanno presentato un'interrogazione presentata alla giunta regionale. Dal 2014 sono disponibili nuovi farmaci ma le regole sono restrittive

In Emilia-Romagna le persone infette sono fra 100.000 e 130.000, ma solo 30-40.000 sanno di esserlo". Si parla dell'infezione da virus dell'epatite C, la più comune causa di malattia cronica epatica. I consiglieri del Partito democratico Marcella Zappaterra e Paolo Calvan hanno presentato un'interrogazione presentata alla giunta regionale, visto che "dal 2011 ci si può curare con nuovi farmaci inibitori, non privi tuttavia di effetti collaterali - scrivono - e dal 2014 sono disponibili in Europa nuovi Direct antiviral agents (Daa), i cui risultati sembrano più positivi e tollerabili per l'organismo".

Purtroppo, però, il costo del trattamento "è di decine di migliaia di euro, il che ha imposto limiti di utilizzo a livello nazionale, imponendo di verificare le reali necessita dei pazienti sia in termini numerici che di caratteristiche cliniche". Regole restrittive, che "stanno inducendo i pazienti a comprare il farmaco via internet o all'estero". Sulla base di questi fatti, Zappaterra e Calvano chiedono alla giunta "quanti casi di epatite C siano stati trattati in regione nel 2015, e quanti di questi con i nuovi farmaci, quale sia la distribuzione territoriale e il costo dei trattamenti". Inoltre, i consiglieri dem domandano di "dare conto degli aggiornamenti mensili del Gruppo multidisciplinare sui farmaci per l'epatite C cronica, che ha redatto un documento di indirizzo che definisce le priorità d'uso dei nuovi farmaci e analizza le problematiche legate al loro utilizzo". Infine, nell'interrogazione si chiede "se esistano, sulle richieste di accesso ai farmaci inoltrate dai medici al Gruppo multidisciplinare, il verbale e la risposta scritta, per dare conto dell'esito dell'esame e delle sue motivazioni". (agenzia dire)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Epatite C: oltre 100mila le persone in infette in Emilia Romagna, ma solo 30mila sanno di esserlo

BolognaToday è in caricamento