menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terremoto, Errani Commissario ricostruzione. Renzi: 'Scelto perchè ha lavorato molto bene in Emilia'

Nomina ufficializzata questa mattina, il neo commissario opererà il coordinamento con le Amministrazioni statali, in raccordo con i Presidenti delle Regioni interessate dal sisma e con l'Autorità nazionale anticorruzione. Caliandro: "L'Emilia farà la sua parte"

Ufficializzata stamattina la nomina dell'ex presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, a Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione nei territori colpiti dal terremoto del 24 agosto scorso. Lo ha nominato il Consiglio dei ministri.

Il neo Commissario riferirà direttamente al Presidente del Consiglio, opererà il coordinamento con le Amministrazioni statali, in raccordo con i Presidenti delle Regioni interessate dal sisma e con i Sindaci, nonché in stretto contatto con l'Autorità nazionale anticorruzione, per definire piani, programmi e risorse necessarie a ricostruire edifici pubblici e privati ed infrastrutture.
Errani, spiega una nota del Consiglio dei Ministri, "ha alle spalle un'esperienza maturata quale Commissario delegato per l'attuazione degli interventi sui territori emiliani colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio 2012: un compito non facile che ha assolto con sensibilità, esperienza e grande correttezza".

"Abbiamo scelto Errani perchè ha lavorato molto bene" in occasione del sisma in Emilia Romagna e stavolta "il principio è ricostruire com'era, dov'era". Così ha spiegato Matteo Renzi, ospite di Rtl 102.5. 

"L'EMILIA-ROMAGNA FARÀ LA SUA PARTE". "L’ufficialità della nomina di Erran è una bella notizia.Se ne è parlato molto in questi giorni, a volte riducendo a mera polemica partitica quella che invece è una scelta lungimirante, intelligente e giusta, che aspettavano in primis territori e amministrazioni colpite.Errani porterà con sé l’esperienza della ricostruzione emiliana che ha potuto contare sulla sua autorevolezza ed esperienza, lontano dai riflettori, ma con la concretezza storicamente dimostrata negli anni che lo hanno visto alla guida della nostra Regione". Sono le parole di Stefano Caliandro, Presidente Gruppo PD in Regione Emilia-Romagna, che si dice anche certo che "l’Emilia-Romagna farà insieme a lui la propria parte per restituire nel più breve tempo possibile speranza e futuro a popolazioni duramente colpite da una tragedia che ha segnato nel profondo tutti noi".

 



 POLEMICHE SU SOTTOVALUTAZIONE RISCHIO SISMICO IN EMILIA. In Emilia-Romagna non c'è stata alcuna "sottovalutazione del rischio sismico in passato, lo dimostrano la storia di questa Regione e gli atti adottati". E' quanto sostiene l'assessore regionale alla Protezione civile, Paola Gazzolo che dice "no ad allarmi ingiustificati" e interviene sulle polemiche riguardo una presunta sottovalutazione del rischio prima del terremoto del 2012 in Emilia, accese in questi giorni, a ridosso della neo-nomina di Errani, che al tempo del territorio che devastò l'Emilia era appunto Governatore della nostra Regione.

"Nessuna sottovalutazione del rischio sismico da parte dell'Emilia-Romagna - ha sototlinato Gazzolo - lo dimostrano la storia di questa Regione e gli atti adottati nel tempo. Siamo stati tra i primi in Italia a varare e ad applicare leggi sul rischio sismico e sui controlli sugli edifici e nel 2004 ci siamo dotati di una mappa sismo-tettonica del territorio". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

8 Marzo: 5 donne "speciali" che hanno fatto la storia di Bologna

social

Sanremo: la scaletta della finale del Festival

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento