Esami di maurità: si parte il 17 giugno, per oltre 7000 studenti bolognesi

Il saluto del provveditore Versari, ricordando i problemi del post-covid: "Queste difficoltà saranno il segno della vostra generazione"

Saranno 7059 gli studenti del secondo ciclo della provincia di Bologna che il 17 giugno prossimo si presenteranno nelle aule per sostenere gli esami di maturità 2020. Di questi 6903 saranno in forze alla scuola pubblica mentre 153 proverranno dalle private. La maggioranza dei maturandi proverrà dai licei (3586), poi gli studenti dei tecnici (2209) e i professionali (1264). Le commissioni attive a Bologna saranno 153.

Esami maturità 2020: come si svolgerà la prova

Quest'anno, finito senza il ritorno in classe dal lockdown di marzo, e per le note misure anticontagio, non ci saranno le classiche tre prove scritte, ma si accederà solo all'orale finale.

Per dare il giusto peso al percorso scolastico, il credito del triennio finale è stato rivisto: potrà valere fino a 60 punti, anziché 40, come prima dell’emergenza. Al colloquio orale si potranno conseguire fino a 40 punti. Il voto massimo finale possibile resta, infatti, 100/100. Si potrà ottenere la lode.

Scuola, il direttore Versari ai maturandi: "Dispiace che l'anno finisca così, ma necessario"

La prova orale si svolgerà in presenza (a meno che le condizioni epidemiologiche non lo consentano e con specifiche deroghe per casi particolari) davanti a una commissione composta da sei membri interni e un Presidente esterno. Ciascun candidato discuterà, in apertura di colloquio, un elaborato sulle discipline di indirizzo, trattando un argomento concordato che è stato assegnato dai docenti di quelle discipline a ogni studente entro il 1° giugno. Seguirà la discussione di un breve testo studiato durante l’ultimo anno nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana. Saranno poi analizzati materiali, coerenti con il percorso fatto, assegnati dalla commissione.

Esami di maturità 2020: le norme anti-contagio

Per quanto concerne le misure di sicurezza, sarà assicurata la pulizia quotidiana di tutti gli spazi che dovranno essere utilizzati. Le aule dove si tengono le prove saranno pulite anche alla fine di ogni sessione d’esame (mattina/pomeriggio). Ci saranno percorsi predefiniti di entrata e uscita. I locali dovranno essere ben areati. Previsto il distanziamento di 2 metri fra candidati e commissari e fra gli stessi commissari. Sarà necessario indossare la mascherina. Gli studenti potranno abbassarla nel corso del colloquio, ma restando a distanza di sicurezza, 2 metri. Non sono necessari i guanti: negli istituti ci saranno prodotti igienizzanti. Ogni candidato potrà essere accompagnato al massimo da una persona, che dovrà anch’essa rispettare le misure di distanziamento e indossare la mascherina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Bocciata alla maturità in Dad: Tar le dà ragione, esame da rifare

  • Coronavirus, i casi del 13 gennaio: calano i contagi a Bologna e in Emilia-Romagna

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

Torna su
BolognaToday è in caricamento