rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca Castiglione dei Pepoli

Appennino: allarme esche avvelenate in 3 Comuni

Numerose le segnalazioni ricevute dalle autorità competenti

In tre Comuni dell'Appennino sono state rinvenute polpette avvelenate, e la cittadinanza è inviatata a prestare la massima attenzione. Nel corso delle ultime settimane sono state varie le segnalazioni ricevute dalle amministrazioni e dalle autorità competenti, e adesso è il sindaco di Castiglione dei Pepoli, Maurizio a Fabbri, a lanciare l'allarme. Sulla pagina Facebook del Comune infatti, è stato pubblicato un post per  informare quante più persone possibili: "Ci comunicano la presenza di bocconi avvelenati in zona Lago di Santa Maria - si legge -
Raccomandiamo di fare massima attenzione e di tenere sempre i vostri amici a 4 zampe al guinzaglio e magari provvisti di museruola. Sono già stati avvisati gli enti preposti".

E sulla vicenda il sindaco Fabbri non usa mezzi termini: "Sono molto arrabbiato per questa situazione - commenta a BolognaToday - quanto sta accadendo è una cosa inaccetabile. Svariati cittadini hanno segnalato la presenza di bocconi avvelenati, e sono tre i terrirori in cui qualcuno li ha disseminati. Oltre a Castiglione, segnalazioni sono arrivate anche da Camugnano e San Benedetto Val di Sambro, quindi in tre Comuni distinti. Abbiamo già avvertito tutte le autorità competenti e speriamo di rintracciare subito i responsabili. Ci siamo attivati su tutti i fronti che potevamo. Una situazione che mette a rischio la vita di molti animali, non solo dei nostri amici a quattro zampe". Per questi ultimi l'invito è di portarli sempre al guinzaglio con una museruola, al fine di scongiurare il peggio.

Da quanto si apprende sembra che non sia la prima volta che in determinate zone dell'Appennino qualcuno si "diverta" a disseminare bocconi avvelenati. Indagini sono in corso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appennino: allarme esche avvelenate in 3 Comuni

BolognaToday è in caricamento