menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
FOTO Policlini

FOTO Policlini

Loukas, 2 anni, e una malattia rara: un delicato intervento per salvarlo

Il suo esofago non si connetteva con lo stomaco. Operato più volte senza successo in Grecia, dove è nato, è arrivato a Bologna

Loukas ha due anni ed è nato con una grave malformazione congenita, l'atresia dell’esofago, malattia rara che colpisce 1 bambino ogni 3500 nati e consiste nella malformazione del tratto gastrointestinale superiore, dove l'esofago non si connette con lo stomaco e i monconi esofagei sono molto distanti. La malformazione di fatto ostruiva il tratto superiore dell’esofago con la conseguenza che, oltre ad impedire il passaggio di qualsiasi sostanza dalla bocca allo stomaco, comportava il rischio di inalazione di saliva nelle vie respiratorie.

L'arrivo al Sant'Orsola ad ottobre, dopo vari interventi senza successo

A ricostrueire la difficile storia del piccolo è il policlinico bolognese che racconta come Loukas fosse stato operato più volte senza successo in Grecia, dove è nato, poi in ottobre è arrivato al Sant'Orsola; qui l'équipe di Chirurgia pediatrica guidata dal prof. Lima, dopo un primo intervento di esofagostomia cervicale, ha eseguito l’esofago-colon plastica: una trasposizione di intestino per sostituire l’esofago inesistente.

Il delicato intervento chirurgico, con la collaborazione dell'Anestesia pediatrica diretta dal dott. Fabio Caramelli, è durato oltre 10 ore. L'operazione è riuscita: ora il piccolo Loukas sta bene ma è tracheostomizzato e al suo rientro a casa dopo la dimissione dall'ospedale, ha bisogno di un ventilatore polmonare per respirare meglio durante le ore notturne.

Un gesto di solidarietà per Lucas

Grazie alla sensibilità dell’Azienda Vivisol  e dell'Associazione AMACI, il ventilatore polmonare è stato donato alla famiglia; in Grecia infatti i genitori ne pagavano l’affitto con grande difficoltà e il governo greco - che già sostiene le spese del ricovero qui in Italia - non può fornirlo. In questi giorni un tecnico della Ditta insegnerà alla mamma del piccolo, che è sempre stata accanto al bimbo in questi mesi, come usare il respiratore quando rientreranno a casa, in Grecia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

SuperEnalotto, la fortuna bacia Bologna: centrato un '5'

Salute

Covid19, vaccini dal medico di base: quello che c'è da sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • WeekEnd

    I 10 eventi da non perdere questo weekend

  • Attualità

    Imola, McDonald’s e Fondazione Ronald McDonald donano pasti gratis

Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento