rotate-mobile
Cronaca

Ex-Breda sempre peggio, Fiom: 'No stipendio anche ad agosto'

Ieri assemblea nello stabilimento. Bonaccini chiede tavolo a Roma, Papignani chiede ricapitalizzazione Finmeccanica e il Comune lancia appello agli imprenditori locali

Industria italiana autobus, continua Papignani, "ha 1.100 commesse e la cassa integrazione per un periodo non è un'alternativa. Se Iia fallisce, la realizzazione degli autobus viene affidata a Mercedes".

Il numero uno della Fiom, del resto, è sicuro che se "non viene pagato neanche lo stipendio di agosto, vuol dire che si va verso il fallimento. E questa è un'altra cosa da evitare. Anche se ho la forte impressione che il fallimento a qualcuno non dispiaccia, anzi toglierebbe le castagne dal fuoco a tanti. Prima di tutto sarebbe più facile dare la colpa all'imprenditore e a chi c'era prima.

Inoltre, una proposta da parte di nuovi soggetti non avrebbe bisogno di alchimie per ottenere i finanziamenti". Sulle responsabilità Papignani è netto. "Di chi è la colpa di questa situazione oggi non ci interessa, ne parleremo poi- afferma- anche questo scambio di accuse e minacce di querele non ci riguarda, ci interessano le soluzioni".

In ogni caso, avverte Papignani, "se Iia fallisce oggi la colpa è di chi c'è oggi, non di chi c'era ieri". Le parole del leader Fiom vengono prese dai lavoratori con un misto di angoscia e rabbia. "Io ho quattro figli e un solo reddito- interviene un operaio- come faccio a resistere un altro mese senza stipendio? Mi costringono ad andarmene".

Tante le parole dei dipendenti contro Del Rosso ("Un incubo, ha distrutto l'azienda") e anche contro l'ex ministro De Vincenti ("E' il primo che deve rispondere di questa vicenda"), così come sono in molti scettici su un ritorno di Finmeccanica. "Noi qui veniamo per lavorare, non chiediamo l'elemosina- dice un operaio- abbiamo le commesse ma da settimane timbriamo il cartellino e ci guardiamo in faccia, facendo finta di fare qualcosa. La settimana scorsa c'è stato un furto in magazzino, ma al rientro dalle ferie in azienda non c'era neanche un responsabile".
(San/ Dire)

Da un lato la richiesta urgente al ministro Luigi Di Maio di un tavolo di crisi da convocare "immediatamente". Dall'altro, la disponibilita' a mettere in campo risorse per rafforzare l'azienda. Ma la priorità "deve essere la ricapitalizzazione di Industria italiana autobus.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex-Breda sempre peggio, Fiom: 'No stipendio anche ad agosto'

BolognaToday è in caricamento