Faac, simulazione di reato: a processo l'economo della Curia e il Presidente

L'accusa di simulazione di reato riguarda due effrazioni scoperte nel 2013 nella villa del defunto MichelanGelo Manini e nello studio dell'avvocato della Curia bolognese

Citati in giudizio per simulazione di reato l'economo dell'arcidiocesi Gianluigi Nuvoli e il presidente della Faac, Andrea Moschetti. Si tratta dell'ennesimo atto dell'affaire Faac, la multinazionale dei cancelli automatici, dopo il lascito mutli-milionario del defunto patron Michelangelo Manini alla Curia bolognese e le contestazioni dei parenti sull'autenticità del testamento "olografo", conclusesi quest'estate con la transazione di 60 milioni.

A tre anni dalla morte di Manini, parte il nuovo atto giudiziario: l'accusa di simulazione di reato riguarda l'effrazione, nell'estate 2013, nella bella villa di via Porrettana. disabitata dopo la morte dell'imprenditore. A scoprirla il custode giudiziario del patrimonio Manini Paolo Bastia e l'economo della Curia Gianluigi Nuvoli. Circa un mese prima, ignoti si sarebbero introdotti nello studio dell'avvocato Moschetti che rappresenta la Curia bolognese e rovesciato a terra tutti i documenti riguardanti l'eredità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Lutto in città, se ne va la mitica 'Agnese delle cocomere'

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

Torna su
BolognaToday è in caricamento