'I luoghi del cuore Fai': al secondo posto ci sono i 'Prati di Caprara'

L'area è la seconda più votata in Italia. Un gran numero di segnalazioni anche per l’Antico Stabilimento termale a Porretta

E' una classifica provvisoria, ma i più votati in Emilia-Romagna sono il Bosco ai Prati di Caprara a Bologna 
e l’Antico Stabilimento termale a Porretta Terme (BO). 

C'è tempo fino al 30 novembre 2018 per eleggere “I Luoghi del Cuore”, il censimento dei luoghi da non dimenticare promosso dal FAI, posto speciali, legati alla nostra identità e alla nostra memoria, che versano in stato di degrado o di abbandono e che vorremmo salvare e proteggere, agendo concretamente per il loro recupero, la loro tutela e la loro valorizzazione.

La regione più attiva è al momento la Puglia, in particolare la provincia di Taranto con 2 luoghi nei primi 10 classificati, seguita da Sicilia, Lombardia ed Emilia Romagna.

A oggi ecco i luoghi in Emilia Romagna ai primi posti della classifica provvisoria: 

1) Il Bosco ai Prati di Caprara a Bologna è un’ex area militare che si sviluppa tra la via Emilia Ponente, in prossimità dell'Ospedale Maggiore, il torrente Ravone e la canaletta Ghisiliera. L’area si è spontaneamente rinaturalizzata dopo la dismissione delle attività militari e oggi è un’estesa zona verde dentro il tessuto urbano, che ospita piante ad alto fusto, in prevalenza di essenze a rapida crescita infestanti o pioniere (robinia, ailanto, pioppo, olmo, ecc.) e un habitat ricco di specie animali e vegetali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Rivoluzione orari della 'movida', parte esperimento. Lepore: "Cercheremo di dettare una nuova tendenza"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • Accoltellamento sul treno: due feriti, treni in ritardo

Torna su
BolognaToday è in caricamento