rotate-mobile
Cronaca Piazza Santo Stefano

Doppio flash-mob degli studenti vs la 'buona scuola' del Governo Renzi

Il primo realizzato dall'Isart, il secondo opera del collettivo del Liceo Minghetti. Alla base i problemi dei loro istituti, ma anche paure e scetticismi legati al modello formativo promosso dal Premier

Un action painting: un telo riempito con la lunga lista dei problemi della scuola brutalmente imbrattato di vernice e calpestato. Ma anche una ragazza travestita da ''dea dell'istruzione bendata'' che esprime totale indifferenza verso le rivendicazioni studentesche.
Sono i due flash mob, il primo in piazza Santo Stefano e realizzato dall'Isart, il secondo opera del collettivo del Liceo Minghetti in piazza Maggiore, messi in atto ieri dagli studenti degli istituti superiori di Bologna per manifestare contro la "buona scuola" promossa dal governo Renzi.

Le due iniziative si collocano all'interno di una più ampia mobilitazione promossa da una sessantina di studenti appartenenti a Minghetti, Sabin e Laura Bassi, dell'Istituto d'arte e del Serpieri, riunitisi oggi pomeriggio in assemblea pubblica in piazza Santo Stefano, sia per discutere dei principali problemi dei loro istituti che per esprimere paure e scetticismi legati al modello formativo promosso dal premier Matteo Renzi. "La città non si cura degli edifici delle scuole pubbliche-racconta Ilaria dell'Isart di fronte ai suoi coetanei- nella nostra, ad esempio, il condotto d'areazione non funziona, i laboratori sono privi di materiali e le nostre classi sono troppo piccole per ospitare trenta persone, cosi'' che ci capita anche di sederci negli sgabelli per seguire le lezioni".

Scuola, un "action painting" per esprimere paure e scetticismi

Direttamente indirizzate al merito e competitività delle riforme renziane sono invece le critiche mossa da Marzia del Minghetti: "Con il nuovo albo che vuole introdurre il premier, i presidi potranno scegliere a piacimento il professore che vogliono. Secondo l'etica della flessibilità propagandata dal Governo, ogni insegnante dovrà' accettare di spostarsi da una regione all'altra, come fosse un tappabuchi", spiega la studentessa dell'istituto di via Nazario Sauro.

Durante l'assemblea, il collettivo del Minghetti punta il dito anche contro la digitalizzazione ("Noi studenti non vogliamo il tablet al posto dei libri, per ritrovarci a stare tutto il giorno, anche dopo la scuola, davanti ad uno schermo", commenta una ragazza), mentre al Sabin i ragazzi lamentano lo spreco di risorse destinate alle scuole: "Abbiamo un edificio che cade a pezzi, ma il denaro che l''istituto riceve non viene investito ne'' per risanarla, ne'' per sfruttare meglio i laboratori", spiega Gionas.

(agenzia Dire)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doppio flash-mob degli studenti vs la 'buona scuola' del Governo Renzi

BolognaToday è in caricamento