Falso allarme sul treno: panico in carrozza, un ferito e Intercity in ritardo

Momenti di paura su un Intercity, che ha accumulato almeno mezz'ora di ritardo tra Bologna e Modena

Un falso allarme ha movimentato il viaggio del treno Intercity 590 tra Napoli e Milano, ieri pomeriggio. Scene di panico si sono registrate a bordo treno, quando intorno alle 17 una passeggera ha allarmato una intera carrozza circa una presunta fuga di gas. Nel caos generale scatenato dalla segnalazione, tutti i passeggeri si sono alzati e hanno cominciato ad accalcarsi verso gli scompartimenti accanto. Un uomo, preso dal panico, ha cercato di rompere uno dei finestrini con un martelletto di emergenza, rimanendo però ferito leggermente a una mano.

Il convoglio, in quel momento in transito nei dintorni di Bologna, ha dovuto fermarsi all'altezza del bivio Santa Viola per poi tornare indietro in stazione e consentire al personale della polizia ferroviaria e ai sanitari del 118 di salire a bordo e verificare la situazione. In breve tempo è emerso che in realtà non vi era nessuna presenza di sostanze nocive e che anche l'ipotizzato uso di spray al peperoncino da parte di malviventi per effettuare furti -altro allarme circolato a bordo, che ha ulteriormente scaldato gli animi- è risultato privo di fondamento. Al termine degli accertamenti il convoglio è ripartito, accumulando però almeno una mezz'ora di ritardo.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Rivoluzione orari della 'movida', parte esperimento. Lepore: "Cercheremo di dettare una nuova tendenza"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • Accoltellamento sul treno: due feriti, treni in ritardo

Torna su
BolognaToday è in caricamento