Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, la Regione apre un tavolo su morti nelle cra. I familiari: "Giustizia e verità" | VIDEO

Ieri in viale Aldo Moro il presidio promosso da Usb e l'incontro con gli assessori Donini e Schlein

 

Un tavolo per fare luce sulle morti da Covid-19 all'interno delle strutture per anziani dell'Emilia-Romagna, tra i luoghi più colpiti dall'epidemia. Al termine di un incontro durato più di due ore, la Regione Emilia-Romagna dà il via libera per l'avvio di un tavolo relativo alle morti da Covid-19 nelle strutture per anziani.

Ieri in viale Aldo Moro il presidio promosso dal sindacato Usb che si ritiene soddisfatto del lavoro svolto e guarda al futuro con determinazione per continuare a cercare la verità e fare chiarezza sulle morti nelle Cra.

L'assessore alle Politiche per la salute Raffaele Donini, insieme alla vicepresidente Elly Schlein, ha incontrato una delegazione del sindacato e dei comitati dei familiari deceduti a causa del coronavirus all'interno delle Cra (Case residenza anziani) nel periodo dell'emergenza Covid. Familiari che da settimane vogliono chiarezza in merito alla gestione delle strutture, che hanno contato decine di morti al loro interno durante il picco dell'emergenza Covid, spingendoli a formare dei comitati spontanei.

"Il tavolo servirà non solo per comprendere al meglio quelle che sono state le applicazioni delle linee guida regionali nell'epoca più acuta della pandemia – ha detto Donini – ma per progettare il futuro del socioassistenziale, con pilastri solidi che guardino a una maggiore consistenza della parte sanitaria e che diano un certo valore non solo alla qualità dei servizi ma anche a quella del personale". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento