Coronavirus, fase 2: "Spazio a bici e monopattini elettrici su corsie stradali"

Da Bologna la proposta al governo: studiare piani di mobilità sostenibili per evitare l'uso eccessivo di automobili, vista la riduzione di posti su trasporti pubblici

foto archivio

Largo a bici elettriche e monopattini elettrici. Per far sì che la fase 2, con il rientro al lavoro, non coincida con un boom di spostamenti in auto, bisogna dare più spazio a chi si muove diversamente. E allora, assieme alla richiesta di incentivi dello Stato per l'acquisto di e-bike e monopattini elettrici, da Bologna arriva anche quella di derogare alle regole sugli spazi della carreggiata stradale per riservare più spazio di manovra a chi decide di muoversi a pedali o con la cosiddetta micro mobilità elettrica.

Se ne è discusso in uno dei tavoli tecnici che, in Città metropolitana, stanno studiando le condizioni per la ripartenza in sicurezza. E il consigliere delegato alla Mobilità, Marco Monesi, conferma sia la richiesta di fondi per favorire l'acquisto di bici e monopattini elettrici, sia l'intenzione di dar corso all'appello per una 'rete ciclabile di emergenza'.

Sui bus non potranno salire le stesse persone di prima e se non si vuole che tutti usino l'auto, servono più spazi per bici ed affini ("Anche per chi non è un ciclista" abituale). Al punto quindi da prevedere per loro 'corsie preferenziali' nelle strade là dove non si possono realizzare velocemente delle nuove piste ciclabili.

"L'idea è quella - conferma Monesi - sta succedendo nel mondo e dobbiamo adattarci ed adeguarci. Abbiamo già il Pums (Piano della mobilità sostenibile, ndr) che è un indirizzo forte e da lì stiamo cercando di trarre spunti per dar vita ad una rete ciclabile di emergenza che imposti una situazione simile a quella delle linee del trasporto pubblico". Che appunto può 'accelerare' rispetto al traffico su corsie preferenziali. Quindi, si pensa a fare più spazio alle bici nelle strade 'normali'? Monesi risponde affermativamente, tanto che si vuol chiedere un apposito 'permesso' al Governo.

"Vorremmo che non ci fosse conflitto tra i diversi utenti della strada e speriamo che non aumenti in questa fase l'uso delle auto", quindi serve più margine di spostamento per bici e monopattini: dove non ci sono le ciclabili, si può riservare loro parte delle strade, "forse non dappertutto, ma un po' di più vorremmo che fosse proprio così. Vorremmo accelerare su questo e per questo, nella progettazione di queste soluzioni, si sta pensando di chiedere al Governo deroghe al dimensionamento delle carreggiate".

Tradotto: restringerle un po' per i mezzi a motore e dare più spazi sicuri alla mobilità dolce. In Città metropolitana, Erika Seta (Uniti per l'alternativa) ha obiettato che "non si può proporre alla cittadinanza, soprattutto a quella parte che percorre molti chilometri per recarsi al lavoro" di farlo solo con biciclette o monopattini.

Monesi risponde che "vorremmo anche pensare a soluzioni per cui si viaggia con la propria auto e l'ultimo miglio, fino alla destinazione, in monopattino. Ad ogni modo, è un insieme di soluzioni che deve incastrarsi assieme".

Se la capienza dei bus passerà da 100 a 20 passeggeri, di pari passo "dovremo fare in modo che gli orari del lavoro cambino, che in fabbrica non si entri tutti alla stessa ora, ma chi alle 7, chi alle 8 o alle 9... Inoltre, c'è lo smart working", cioè far sì che non tutti tornino al lavoro nello stesso momento.

"Peraltro, anche se ancora manca la prova scientifica tra inquinamento e diffusione del coronavirus, ridurre il traffico fa comunque bene a persone, ambiente e riduciamo un rischio in più". Sia gli incentivi pro micromobilità che le deroghe agli spazi stradali sono proposte che "abbiamo noi e altri Comuni: le porteremo al Governo attraverso l'Anci", promette Monesi parlando alla 'Dire'.

Coronavirus, siglata ordinanza: Medicina si riallinea al resto del territorio e via a nuove misure in tutta la Regione

Coronavirus, Hera studia acque di scarico con l'Istituto Superiore di Sanità

Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 22 aprile: "In calo i casi positivi attivi: -160 rispetto a ieri"

Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 22 aprile: altri dieci morti

Coronavirus, Ausl: "26 deceduti nella casa di riposo, 7 tamponi positivi"

Coronavirus, Emilia-Romagna a sportivi: "Ancora 10 giorni di pazienza, a maggio sport all'aperto"

Coronavirus, bar e ristoranti: "Riapertura? Sarà come un lungo agosto"

Oltre l'emergenza: il sindaco nomina esperti per "ripensare Bologna" 

Fase 2, ripartenza imprese: la proposta della Regione al Governo

Cosa ci lascerà questa quarantena? La lezione dei bambini | VIDEO

Coronavirus, ecco il piano della Regione per le residenze anziani e contagi domestici

Farmaci e spesa a casa, aiuti alimentari, supporto anziani e persone fragili: servizi attivi e numeri utili

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento