menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Poggipollini e Morandi cantano insieme: "A Gianni la mia cover è piaciuta. Ci ricorda quel lontano '89"

"Il brano scritto da Lavezzi e Mogol mi ha lasciato di stucco al primo ascolto" e così a distanza di 31 anni arriva una versione super-personalizzata

Federico Poggipollini e Gianni Morandi insieme per la cover di Varietà, un brano scritto nel 1989 da Mario Lavezzi e Mogol, che ha dato il titolo al disco di Bella Signora: "Gianni si è prestato sia a mettere la voce che a partecipare al video girato in uno storico locale di Bologna in un unico giorno. Il brano gli è piaciuto subito il giorno dopo il primo ascolto eravamo già in studio e registrare: una disponibilità così non è certo da tutti". In questo omaggio di Capitan Fede (prodotto dallo stesso Poggipollini insieme a Michael Urbano), le chitarre acustiche e il basso fanno da tappeto sonoro con un riff immersivo in stile Bowie ad un testo poetico in cui la voce di Morandi regala quel quid in più.

L'intervista a Federico Poggipollini

Quando hai sentito questo brano per la prima volta? 

"L'ho sentito suonare la prima volta da Mario Lavezzi (lui non se lo ricorderà, ma io sì!). Avevo 20 anni e stavo promuovendo 'Bella signora' di Gianni Morandi, il singolo che stava lanciando in quel periodo. Ma c’era anche questo brano e ricordo benissimo che ero in un camerino e sentii Mario Lavezzi cantare dal vivo questo brano meraviglioso accompagnandosi con una chitarra. Rimasi di stucco, mi piacque moltissimo a livello compositivo e così, eccomi qua". 

In questa versione c'è però un'impronta diversa, giusto? 

"Certo, ho cercato di farla mia con una interpretazione diversa, distante dall'aria pop dell'originale. Quello che ascoltate è il mio personale modo di omaggiare il brano scritto da Lavezzi e Mogol e interpretato da Gianni Morandi". 

E a proposito di Gianni...come è nata questa collaborazione? Anzi, ci spieghi una volta per tutte che significa 'featuring'?

"Una featuring è un piccolo contributo artistico che non prevede una quantità di partecipazione specifica da parte di un artista. Non è un duetto, per intenderci. Con Gianni è andata così: gli ho scritto e gli ho mandato il brano via whatsapp, lui l'ha ascoltato, gli è piaciuto e il giorno dopo ci siamo visti per registrare. Ed è presente anche nel video. Lo vorrei ringraziare sinceramente per gentilezza e disponibilità, so bene che viviamo in un mondo (e un settore) fatto di schemi per cui diventa sempre più difficile arrivare direttamente a una persona. Eppure lui è così!". 

Quando avete lavorato per la prima volta insieme tu e Gianni? 

"Nell'89 mi portò in giro come strumentista per 'Bella Signora', un brano importante". 

Torniamo al video nel quale vesti i panni di diversi personaggi della musica e del cinema. Dove lo hai girato e cosa racconta?

"Intanto il video di 'Varietà' è di due bravissimi registi, Francis TheBlueRoom e Roberto Covi. Sono partiti dalla frase della canzone che dice 'Io vorrei che tu mi assomigliassi un po’' e ci hanno costruito qualcosa di non didascalico ma che racconta bene il brano. Mi sono trasformato in Charlie Chaplin (da piccolo lo adoravo e lo imitavo) e in Keith Richards, sono diventato Jimi Hendrix e John Lennon, per arrivare infine ad assomigliare a Gianni Morandi: il tutto in un camerino, ricostruito sapientemente all'interno del Covo, completamente riallestito dallo scenografo nonchè mio cugino Andrea Poggipollini. Siamo stati attenti a ogni particolare e pare che il lavoro stia piacendo, forse perchè traspare l'atmosfera che siamo riusciti a ricreare". 

La cosa più difficile?

"Organizzare le riprese tutte nello stesso giorno. E devo ringraziare tutti coloro che hanno collaborato al progetto perchè di questi tempi e con questi cachet noi artisti, come gli operatori e i tecnici legati alla musica e agli spettacoli ci stiamo aiutanto molto".  

Attenti ad ogni particolare nel video grossa ricerca per organizzare in un giorno tutte le riprese devo ammmettere che la cosa che ha dato molto atmosfera che si è creata li la leggo anche nel video. Tutti venuti a prezzo di favore situazione 

"Varietà" dopo "Il Chiodo", "Monna Lisa" feat. CIMINI, "Trappole" feat. Eugenio Finardi e "Città in fiamme" è il quinto estratto da "Canzoni Rubate" il nuovo album di Federico Poggipollini in uscita la prossima primavera.
Il video di "Varietà" è una produzione On A Friday.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento