menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Castello della Giovannina, Lettori: 'Un capodanno da incubo'

Locale strapieno, servizio disastroso, c'è chi ha pure allertato la Finanza su presunte irregolarità. Così molti partecipanti all'evento, ma il Direttore del Castello secca: 'Falsità'

Ormai ci avviciniamo al Carnevale, ma per qualcuno il pensiero va ancora alla notte di San Silvestro. Sì perché tante sono le aspettative intorno ai festeggiamenti del nuovo anno, che poi, se vengono disillusi si rimase scottati, infuriati. E’ quanto successo a numerosi partecipanti alla festa di Capodanno organizzata lo scorso 31 dicembre al Castello della Giovannina di Pieve di Cento. Una cornice da sogno per salutare in bellezza questo 2012, resa ancora più allettante da un programma comprensivo di cena ‘luculliana’e promesse di atmosfera da ‘fiaba’ (pubblicizzato attraverso un sito internet dedicato, una pagina Facebook e tanto di flyer ad effetto).
Dalla ‘fiaba, all’incubo invece. Almeno per qualcuno, come testimoniano le tante segnalazioni arrivate dai nostri lettori, che parlano di pubblicità mendace, un programma non rispettato, una gestione scadente della serata: insomma, per i più incattiviti, una vera e propria truffa, con tanto di mancata fatturazione, come testimonia Manu, uno dei partecipanti, che a tal proposito si è rivolto alla guardia di finanza.

LAMENTELE DAI PARTECIPANTI. Una cena da dimenticare, come raccontano in diversi, che parlano di piatti caldi ‘serviti freddi’, ‘porzioni misere’, nessuna traccia di alcune portate menzionate nel menù, di ‘un’atmosfera medievale’ tanto pubblicizzata ma inesistente nella realtà. Ad infastidire soprattutto la disorganizzazione, come testimonia Sara: “Prima della cena abbiamo sistemato noi stessi la sala dove dovevamo cenare, perchè avevano contato male il numero delle persone che dovevano sedere lì, e solo dopo aver spostato tutti i nostri piatti a mano, noi stessi, finalmente abbiamo trovato pace.”
Pure le tempistiche pare non siano state propriamente da manuale: “Il secondo è stato servito che era mezzanotte, mentre portavano le bottiglie di spumante. Il caffè proprio non si è visto”
Straripava il locale, e molti si sono interrogati anche sulle misure di sicurezza e il rispetto del limite sulla capienza, ”era palese che c'erano troppe persone, - racconta Chiara - si doveva fare a pugni per uscire o entrare...la sicurezza non è stata minimamente tenuta in conto”.
Non è andata meglio a chi ha optato per l’ingresso al castello dopo cena, Vanessa racconta: “Ci hanno fatto aspettare al freddo per mezz’ora poi siamo entrati… nessun diritto ai 2 drinks (che secondo l'offerta dovevano essere inclusi) e al bar un bicchiere di spumante costava 10 euro! Non c'era niente di ciò che era stato promesso: nè giochi nè atmosfera medioevale, niente 3 sale con 3 dj diversi, ma solo una misera stanza fredda  con la musica e una marea di persone che non poteva ballare e che si prendevano a gomitate!”

LA 'PARTE IN CAUSA'. Che le lamentele siano esagerate - come ha commentato il direttore del Castello della Giovannina, sentito da Bologna Today – o meno, fatalità di colpo è stato oscurata la pagina web della festa e sono divenuti irrintracciabili gli organizzatori della serata.
Infatti, mentre “Bologna Catering” (società che gestisce gli eventi al Castello) nega qualsiasi addebito, non essendo stato in questa occasione fornitore, dal Direttore del Castello, Antonio Sebastiano, ci siamo sentiti rispondere: “Ero presente. Tutto sommato è andata bene. Ovviamente con un numero così alto di persone, 1.750, si può verificare qualche disguido e molta gente vuole cercare il pelo nell'uovo".

E cosa risponde alle rimostranze in merito a cibo freddo e servito troppo tardi, calca, ritardi e prezzi alti? “Smentisco assolutamente, - ha detto perentorio Sebastiano - la cena ha soddisfatto e tutti sono divertiti. Si lamenta forse il 5% delle persone che hanno partecipato perché arriva la notte di Capodanno e vogliono dimenticare tutti i loro problemi, magari qualcuno era già ubriaco alle 22.30… I prezzi? Hanno pagato 80 euro per cena e dopocena, 50 euro per buffet e dopocena e 25 euro per la consumazione di due drink e hanno anche ballato con il dj. Per la notte di dell’ultimo dell’anno non è molto”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento