Cronaca

La nuova formula di Fico conquista il primo posto: è la destinazione preferita dell’Emilia Romagna

Sono state prese in considerazione circa 2.000 attrazioni turistiche, escludendo le piazze e le attrazioni condivise da una o più regioni. Contano anche le recensioni su Google

Fico Eataly World, il parco tematico del cibo italiano, ha riaperto in una versione rinnovata e, secondo una ricerca turistica di questi giorni, si afferma come la destinazione preferita dell’Emilia Romagna, al fianco di Hit come Il Duomo di Milano per la Lombardia e Fontana di Trevi per il Lazio. La piattaforma digitale Musement, nata per scoprire e prenotare esperienze di viaggio in tutto il mondo, ha elaborato una mappa per scoprire quali sono, per ognuna delle 20 regioni italiane, le attrazioni turistiche più amate. Sono state prese in considerazione circa 2.000 attrazioni turistiche, escludendo le piazze e le attrazioni condivise da una o più regioni. E poi per ogni regione, l’attrazione con il maggior numero di recensioni su Google è stata considerata la più amata. ACQUISTA QUI I BIGLIETTI SCONTATI

La riapertura dopo l'anno della pandemia

Fico ha riaperto al pubblico, accogliendo le prime migliaia di visitatori, dopo un anno di chiusura causa emergenza sanitaria. Un anno in cui la “Disneyland del cibo” di Bologna, secondo il progetto voluto dal nuovo AD Stefano Cigarini, si è trasformata in un vero e proprio parco tematico, l’unico al mondo dedicato all’eccellenza della cucina italiana, con 15 ettari di estensione (più o meno come 10 campi da calcio) che ospitano 30 nuove attrazioni, 7 aree a tema (Salumi e dei Formaggi, Pasta, Gioco, Sport, Vino, Olio, Dolci), 26 tra ristoranti e punti di street food, 13 fabbriche con show multimediali e una fattoria degli animali e un luna park contadino annesso. La missione, coniugare passione per il cibo e divertimento coinvolgendo i cinque sensi.

Cosa si può fare a Fico, nuova versione? Si pranza e si cena con un’offerta gastronomica molto variegata, come variegata è l’offerta della cucina italiana da Nord a Sud della Penisola, per una filiera a km 0 che, insieme alle iniziative contro lo spreco con “Brutti ma buoni” e all’impianto fotovoltaico sul tetto del parco fra i più grandi in Europa e il fatto che l’edificio sia fatto di legno, rappresenta l’aspetto di sostenibilità del parco.

Corsi e degustazioni

Si può visitare una fabbrica del cibo e partecipare a laboratori per scoprire come si producono gli alimenti più svariati. Si possono imparare, divertendosi, tante curiosità sul cibo (e non solo) attraverso le 5 giostre multimediali. Si possono vedere da vicino gli animali della fattoria sia da stalla che da cortile e interagire con loro. Si può andare a Luna Farm, il Luna Park a tema contadino con le sue 14 attrazioni. Si può giocare a beach volley, a pallavolo e a basket nei campi attrezzati. CLICCA QUI PER CORSI E DEGUSTAZIONI A PREZZI SCONTATI

Si può fare anche la spesa al bazar di Eataly e acquistare fiori, libri, cosmetici sostenibili.

Dal giorno della riapertura, Fico dedicherà ogni mese a un alimento: luglio sarà il mese della frutta, agosto quello della pizza con corsi e giochi a tema. A Ferragosto è in programma una grigliata con dj set di musica latina, mentre il 21 e 22 agosto sarà organizzato un torneo di Beer Volley tra birra artigianale e pallavolo sulla sabbia. Per entrare a Fico, aperto da giovedì a domenica dalle 11 alle 22 (sabato fino alle 24), occorre acquistare un biglietto di 8 euro oppure di 10 euro comprensivo dell’ingresso a Luna Farm. Da quando è stato aperto a novembre 2017, Fico ha accolto 5 milioni di visitatori, ben l’11% del turismo di Bologna, per il 59% donne e per il 41% uomini con un’età media tra i 30 e i 45 anni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nuova formula di Fico conquista il primo posto: è la destinazione preferita dell’Emilia Romagna

BolognaToday è in caricamento