Riapre il "nuovo" Fico, c'è anche il progetto dello Stadio provvisorio | VIDEO

Dal 22 luglio biglietto da otto euro (10 con il Luna farm). Obiettivo: un milione di visitatori paganti l'anno

Dopo un anno di lavori per trasformarlo in un vero e proprio parco tematico, riapre Fico, ma in una nuova veste e con un obiettivo chiaro: un milione di visitatori paganti l'anno e il bilancio in positivo entro il 2023. Accanto, come annunciato in conferenza stampa, anche lo stadio provvisorio del Bologna Fc che sorgerà dal lato destro della "L" formata dal parco, dove c'è il vigneto. Sarà ufficiale in una decina di giorni.

Stadio provvisiorio 

L'accordo con il Bologna calcio è ancora in corso, ma è quasi tutto pronto. Il Bologna giocherà alla "Fico Arena" le gare interne durante i lavori di ristrutturazione dello stadio Dall'Ara. Il disegno dell'impianto è stato mostrato oggi durante la presentazione del rilancio del parco del cibo, che riaprirà con un grande evento il 7 luglio prossimo.

fico arena

Lo stadio provvisorio sorgerà in uno spazio al lato destro della "L" formata dal parco, dove c'è il vigneto. "C'è l'accordo di tutte le parti, Comune, Bologna, noi e Caab. Io credo sia un bellissimo progetto, perché valorizza due marchi importanti di Bologna e mette a sistema risorse che già ci sono", spiega il nuovo amministratore delegato di Fico Stefano Cigarini, anticipando che la presentazione ufficiale da parte del Bologna calcio dovrebbe avvenire entro una decina di giorni. 

Lo stadio provvisorio, aggiunge l'ad di Fico, "credo sia una bella opportunità per il Bologna Fc e per la città di Bologna perchè non si consuma suolo e non si creano cattedrali nel deserto ma si utilizza una infrastruttura esistente. Fico ha oltre 3mila parcheggi, ha la logistica, ha i ristoranti. L'idea è quella di realizzare solo il catino e il prato e poi tornare al Dall'Ara una volta finito".

Da parte sua, la vicesindaca del Comune, Valentina Orioli, dice di non aver ancora ricevuto una proposta: "Sappiamo che il Bologna Fc sta parlando con una serie di soggetti tra cui il Caab, quando questa proposta arriverà valuteremo".

Il nuovo Fico

"Fico ha avviato un nuovo piano di rilancio che riprogetta e mette a fuoco l’esperienza del visitatore, trasformandosi in un experience park, un parco tematico che stimola i 5 sensi e coniuga passione per il cibo e divertimento" racconta Cigarini, "che offrirà 30 nuove attrazioni, sette aree a tema, 26 tra Ristoranti e Street Food, 13 Fabbriche con show multimediali, una fattoria degli animali per emozionare grandi e piccini. Una giornata speciale per chi ama gustare il buon cibo ed i piaceri della vita". ACQUISTA QUI I BIGLIETTI SCONTATI

Sette aree a tema

Il nuovo Fico si estenderà su circa 15 ettari (la grandezza di 10 campi di calcio), divisi in 7 aree tematiche, mondi dedicati alle grandi eccellenze italiane (l’Area dei Salumi e dei formaggi, della Pasta, del Gioco e dello Sport, del Vino, dell’Olio, dei Dolci) divisi da nuove e spettacolari scenografie ed arricchiti con giochi, giostre ed attrazioni a tema cibo. Completa il parco un luna park contadino, Luna Farm, con le sue 14 attrazioni firmate Zamperla, il più grande produttore italiano del settore.

Nuovo il parco, con grandi scenografie a tema cibo, 30 attrazioni, 13 ristoranti, 13 punti street food, 13 Fabbriche multimediali e il tour guidato tutto incluso in un unico biglietto da 10 Euro, nuovo l’approccio multisensoriale, per un parco che stimola i 5 sensi, grazie ad esperienze di gusto, olfattive, visive, sonore e tattili, come i corsi di cucina offerti, nuovo anche il claim: il Parco da Gustare. 

Confermati i punti fermi del progetto originale di FICO, che dal 2017 ha raccolto circa 5 Milioni di visitatori: i 60 operatori della filiera agroalimentare, che offrono buon cibo ma soprattutto esperienze a tema, inclusi i grandi Consorzi come Parmigiano Reggiano, Grana Padano, San Daniele, Mortadella Bologna, Aceto Balsamico di Modena e Carne Razza Maremmana Bio.

Confermato il progetto Km0, per cui il cibo prodotto nel parco viene servito in tutti i ristoranti e fra gli operatori presenti. Confermato l’impegno di FICO come parco eco-sostenibile, grazie ai 55.000 mq di impianto fotovoltaico su tetto, uno dei più grandi d’Europa, sistemi avanzati di teleriscaldamento e l’uso estensivo di materiali green e riciclabili.

BIGLIETTI ED ABBONAMENTI SCONTATI, ECCO COME AVERLI

Le Fabbriche 

Con il nuovo progetto prendono vita le 13 Fabbriche presenti a FICO: una serie di show multimediali con proiezioni animate sulle loro vetrate (transparent led display technology), grazie anche a speciali pellicole polarizzate, permettono di osservarne il funzionamento, simulandone il processo produttivo e svelando i macchinari in esse contenuti. A spettacolo finito sarà possibile per gli ospiti entrare e toccare con mano i luoghi dove si producono formaggi e pane, paste e sughi, birra e olio…un viaggio in diretta nella bontà italiana. 

Le Giostre Multimediali

Pillole di scienza e curiosità ci aspettano nelle 5 Giostre Multimediali di FICO, sviluppate in collaborazione con la rivista Focus, si tratta di padiglioni dove scoprire gli elementi primordiali legati al rapporto fra l’uomo e il cibo: ecco la giostra del Fuoco, della Terra, del Mare, degli Animali, e Dalla Terra alla Bottiglia.

Bambini e Animali 

L’educazione alla cultura alimentare dei bambini è stata dall’inizio una priorità per FICO, con i suoi 70.000 studenti in visita all’anno, che potranno godere di corsi e laboratori dedicati.

Gli Animali della Fattoria sono invece protagonisti già dall’ingresso, ad accogliere i visitatori, mentre quelli da Cortile si trovano lungo il percorso all’interno del parco. Sarà possibile mungere una mucca, strigliare un cavallo, nutrire una capretta o le galline, accarezzare un coniglio, imparando allo stesso tempo come prendersi cura di loro sotto l’occhio vigile del fattore di FICO. Anche gli animali domestici sono i benvenuti.

Il nuovo Piano Industriale

Il piano di sviluppo di FICO, è stato voluto e finanziato dai soci Eataly e Coop Alleanza 3.0 per oltre 5 Milioni di investimento e supportato dal Fondo PAI-Parchi Agroalimentari italiani, che detiene la proprietà dell’area, costituito e gestito da Prelios SGR.  

Prezzi e Biglietti

Il nuovo FICO prevede un biglietto di ingresso a 8 Euro (10 Euro il biglietto FICO + Luna Farm), un biglietto a 19 Euro con la possibilità di ingresso + tour con 4 degustazioni o ingresso + corso a scelta tra Pasta, Pizza, Gelato, Vino e Mortadella. A 29 Euro l’abbonamento annuale con ingressi illimitati e il 10% di sconto su tutti gli acquisti e i ristoranti convenzionati.

Dal sito è possibile donare 1 Euro alla Fondazione FICO, che promuove e sostiene la cultura alimentare. Dopo il Grand Opening del 7 luglio, il parco aprirà continuativamente dal 22 luglio in poi, dal giovedì alla domenica, dalle 11 alle 22, il sabato fino alle 24. Biglietti, informazioni e orari si trovano sul sito. 

Si parla di

Video popolari

Riapre il "nuovo" Fico, c'è anche il progetto dello Stadio provvisorio | VIDEO

BolognaToday è in caricamento