menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

BolognaFiere: inaugurati i nuovi padiglioni 29 e 30

Nell’ambito di un piano di restyling e ampliamento che prevede un investimento totale di 138 milioni entro il 2024. Realizzati in soli 10 mesi

Si è tenuta oggi, alla presenza del sindaco Virginio Merola e dell’Arcivescovo di Bologna Mons. Zuppi, l’inaugurazione del primo lotto di lavori di riqualificazione e ampliamento di Bologna Fiere, polo espositivo tra i più importanti d’Europa.

Autore del progetto è lo studio Di Gregorio Associati di Parma con la progettazione strutturale dell’Ing. Massimo Majowiecki e la consulenza scientifica del Prof. Aurelio Galfetti e del Prof. Gabriele Cappellato. La Direzione Lavori è stata condotta dall’Ing. Aldo Barbieri. 

I NUOVI PADIGLIONI: GUARDA IL VIDEO 

La nuova fiera

Con una volumetria complessiva di 476.000 mc, i 33.000mq dei nuovi padiglioni 29 e 30 sono stati realizzati previa demolizione delle vecchie strutture ammalorate, nell’ambito di un piano di restyling e ampliamento che prevede un investimento totale di 138 milioni di euro entro il 2024. L’opera, realizzata in soli 10 mesi per ospitare le imminenti fiere di Cersaie e Eima, ha visto la media di 100 persone in attività di cantiere, con punte fino a 230 negli ultimi mesi. 

I padiglioni, 75 metri di luce a campata unica e privi di supporti centrali, permettono l’utilizzo di stand multipiano.

Gli spazi, grazie alle  superfici traslucide, godono di un’illuminazione diurna naturale, omogenea e diffusa. La struttura è così pensata per amplificare e valorizzare i contenuti espositivi.

“Il progetto ha il potenziale delle costruzioni semplici ma radicali, forti ma essenziali” afferma Galfetti. Un’opera imponente realizzata secondo i più elevati standard costruttivi e caratterizzata da elementi modulari che compongono gli spazi di interconnessione. “Il progetto intende ricucire le componenti del contesto”, spiega l’Arch. Di Gregorio, “dopo che l’impianto razionalista originario di Leonardo Benevolo aveva nel corso degli anni subíto interventi frammentati che ne hanno danneggiato l’intenzione originaria di ordine e fruibilità”.

“Il processo si è svolto con la massima efficienza e ci tengo a ringraziare tutti, dai progettisti ai tecnici, alle maestranze, i dipendenti di BolognaFiere, tutti hanno dimostrato grandissima competenza e motivazione per rendere
possibile l’utilizzo delle nuove superfici per il prossimo Cersaie - ha detto Gianpiero Calzolari, Presidente del Gruppo BolognaFiere - in un contesto fortemente competitivo e in rapida evoluzione, il Gruppo deve dotarsi di strutture all’avanguardia e porre solide basi per sostenere una crescita nel lungo termine, in ottica nazionale ed internazionale” 

Dopo l’intervento del Presidente a cui è seguito quello del sindaco Merola e del progettista, l’incontro è terminato con il taglio del nastro e la benedizione dell’arcivescovo di Bologna Mons. Matteo Maria Zuppi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Come trasformare una finestra in un piccolo balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento