Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Ressa all'hub vaccini, Donini: "Ci scusiamo dei disagi, prossimi Open Day migliore organizzazione"

3mila vaccinati in fiera nella giornata del 2 giugno. Oggi i primi centri sui luoghi di lavoro

3.000 le dosi di vaccino Johnson & Johnson somministrate nella giornata dell'open day all'hub della Fiera che ha scatenato una marea di polemiche e critiche sulla gestione.

Dimostra "molto bene quanto sia diffusa e richiesta la vaccinazione soprattutto fra la popolazione più giovane. Voglio quindi ringraziare tutti gli operatori sanitari che, con il loro intenso lavoro, anche volontario, hanno quasi triplicato il numero di dosi", commenta l'assessore regionale alla sanità, Raffaele Donini "una riflessione particolare si impone sul modello organizzativo praticato, che, non prevedendo alcuna prenotazione, ha portato tanta gente inevitabilmente a raggiungere la Fiera già dalle prime ore del giorno. Per questo siamo dispiaciuti e ci scusiamo dei disguidi e dei disagi che si sono prodotti a carico dei cittadini. Sarà pertanto nostra cura già dai prossimi Open Day, insieme alle Asl interessate, condividere modalità organizzative di più facile gestione per tutti e meno disagevoli per i cittadini".

Migliaia di persone, in fila in Fiera. Social scatenati: "Una tonnara, scelta folle e fallimentare"

Delle migliaia di persone "accorse" in Piazza Costituzione, non tutte, ovviamente, hanno potuto vaccinarsi, anche se Ausl, che inizialmente aveva messo a disposizione 1.200 vaccini J&J, ha, prima raddoppiato, e in seguito aggiunto altre 600 dosi, arrivando quindi a 3.000.

Donini rivolge "un ringraziamento particolare alle Forze dell'ordine, alla protezione civile, alla croce rossa e agli stessi operatori sanitari per il prezioso lavoro svolto oggi, soprattutto nei momenti più critici di afflusso di persone in prossimità dell'Hub vaccinale".

Gli Open day "sono pensati ed organizzati per velocizzare soprattutto la somministrazione di quei vaccini a vettore virale per i quali ormai si sta completando il corrispondente target, estendendoli a tutta la popolazione richiedente, indipendentemente dalla fascia di età, in modo da non far rimanere a lungo giacenze in frigorifero", evidenzia l'assessore. Lo riferisce la Dire. 

Sull'episodio, ieri era intervenuto anche il sindaco Virginio Merola: "Mi scuso io per i disagi. L'Ausl ha lavorato in perfetta buona fede per dare un servizio in più. Stavolta ha sottovalutato la capacità di aggregazione che hanno queste iniziative, rimedierà".

Prossimi step vaccinali

Oggi, 3 giugno, aprono i primi centri vaccinali sui luoghi di lavoro, mentre gli over 40, registrati nel sito, dovranno ricevere, come da programma, la data di appuntamento. Nei prossimi giorni poi "procederemo con la prenotazione per fasce di età, in modo che tutti coloro che intendessero vaccinarsi nei nostri Hub possano avere una data di prenotazione", aggiunge Donini. 

A partire dal 10 giugno tutti potranno prenotarsi per la vaccinazione contro Covid-19. Senza nessuna restrizione relativa alle fasce d'età.  Le novità sulla campagna vaccinale sono contenute in una circolare del commissario all'emergenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo, attesa proprio entro il 10 giugno.  

Vaccini in azienda: si inizia il 3 giugno con 180mila lavoratori

Vaccini Covid. Stop fasce età, da giugno tutti potranno prenotarsi 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ressa all'hub vaccini, Donini: "Ci scusiamo dei disagi, prossimi Open Day migliore organizzazione"

BolognaToday è in caricamento