rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca Via del Triumvirato, 84

Dentro quadri religiosi e creme idratanti, la Finanza trova 3,5 Kg di 'coca' all'aeroporto

Fondamentale l'aiuto del cane antidroga 'Cal'. La sostanza, se immessa nel mercato, avrebbe fruttato circa 300mila euro

Oltre 2 kg di cocaina purissima sono stati sequestrati dai finanzieri di stanza all'aeroporto Guglielmo Marconi nel corso di due distinte operazioni che hanno portato all’arresto di due corrieri della droga, entrambi sudamericani.

Il primo “corriere”, un 33enne brasiliano, non è riuscito a eludere il controllo dei finanzieri e il fiuto del cane antidroga “Cal” che ha segnalato il bagaglio del soggetto. All'interno della valigia, dentro tre flaconi di crema per il corpo, sono stati rinvenuti 49 ovuli di cocaina, per un peso complessivo di circa mezzo chilo. Il soggetto è stato arrestato e la droga sequestrata.

In un'altra occasione, pochi giorni dopo, è toccato a un 22ene, cittadino del Nicaragua essere ammanettato. Dentro la valigia del ragazzo infatti sono stati trovati tre quadri di legno, rappresentanti immagini religiose.

Insospettiti dal peso delle effigi e dal comportamento assunto dall’uomo nel corso del controllo, i militari hanno deciso di approfondire l’ispezione, rinvenendo 1,5 chili di cocaina purissima, abilmente occultata all’interno dei quadri in cui erano stati ricavati dei vani “ad hoc” per lo stupefacente.

Entrambi i cittadini sudamericani, su disposizione del magistrato di turno, sono stati associati presso la casa circondariale “Dozza”. Lo stupefacente sequestrato una volta immesso sul mercato al dettaglio avrebbe reso, secondo stime prudenziali, 300mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dentro quadri religiosi e creme idratanti, la Finanza trova 3,5 Kg di 'coca' all'aeroporto

BolognaToday è in caricamento