Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca San Donato / Via Filippo Beroaldo

Truffa, 'tecnici' del gas porta-a-porta: "controllano" fughe e incassano per una ditta inesistente

Si presentano alla porta di casa, solo dopo le varie operazioni, eseguite con tanto di 'apposito' apparecchio, presentano il conto, salato. Nella rete è finita anche una 82enne, che però ha "mangiato la foglia": in due denunciati per truffa

Si presentano alla porta di casa, presentandosi come tecnici addetti al controllo di eventuali fughe di gas. Solo dopo le varie operazioni, eseguite con tanto di 'apposito' apparecchio, presentano il conto, salato, tirando fuori un blocchetto di ricevute. Sono in realtà dei truffatori e in due sono finiti nei guai ieri pomeriggio, dopo aver tentato di tirare nella loro rete una 82enne bolognese. L'anziana però ha "mangiato la foglia", così ha allertato la polizia, che li ha denunciati per truffa.

La vittima ha riferito che un uomo le si era presentato alla porta del suo appartamento in via Beroaldo dicendo di dover controllare se vi fossero delle fughe di gas. L'anziana  ha aperto, così il tecnico si è messo all'opera, girando per le stanze, con tanto di strumentazione al seguito. Finito il monitoraggio ha però chiesto alla sua preda di compilare una ricevuta per il pagamento di 199 euro, compenso dovuto per il servizio prestato. A quel punto la donna si è insospettita e ha detto di voler chiamare il figlio per avvisarlo della cosa: una reazione che ha messo in fuga il malintenzionato. Resasi conto del tentativo di raggiro, l'82enne ha subito chiamato la polizia, descrivendo dettagliatamente il soggetto, così poco dopo gli agenti sono riusciti a rintracciarlo.

Il sedicente tecnico si trovava ancora nei pressi dell'abitazione dell'anziana, con lui c'era un altro uomo. Controllati, sono stati trovati in possesso, uno di 195 euro in contanti, l'altro di un blocchetto di ricevute (come quello mostrato alla malcapitata), assegni vari per 600 euro e 199 euro in contanti.
Alla richiesta di giustificazioni da parte dei poliziotti, i due hanno riferito di essere dipendenti di una ditta che offriva questa tipologia di servizi, peccato che dai controlli avviati, l'azienda è risultata inesistente. Così sono stati entrambi denunciati per truffa. Si tratta di un avellinese di 39 anni e un 53enne cagliaritano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa, 'tecnici' del gas porta-a-porta: "controllano" fughe e incassano per una ditta inesistente

BolognaToday è in caricamento