Cronaca

Finto Gianni Morandi denuncia un’aggressione: processato e assolto

Un'imitazione perfetta, la 'burla', e la successiva denuncia per procurato allarme. Oggi la parola fine alla lunga questione

Fingendosi Gianni Morandi ha chiamato il 118 e sollecitato l’intervento di un’ambulanza perché un uomo era stato aggredito ed era riverso per terra, sanguinante. L’imitazione del cantante era stata impeccabile e così lo "scherzo" era riuscito alla perfezione: i sanitari si sono precipitati sul posto, dove non hanno trovato nè il ferito, nè l'eterno ragazzo di Monghidoro. L'episodio è avvenuto in Puglia, nel 2014 e lo riporta il quotidiano Lecce Prima, in un articolo a firma di Valentina Valente.

La "burla" non è morta lì, perchè con la giustizia, si sa, non c’è da scherzare. Da allora infatti sono iniziati i guai per l'imitatore, 26enne pugliese. Gli operatori del 118 hanno infatti denunciato l’accaduto alle forze dell’ordine. Da qui, l’apertura di un’inchiesta per procurato allarme, che ha portato all’identificazione del sedicente Morandi e a un decreto penale di condanna al pagamento di un’ammenda di 150 euro. Decreto al quale si è opposto il legale del ragazzo.

A scrivere l’epilogo della storia è stato, questa mattina, il giudice della seconda sezione penale del Tribunale di Lecce, che lo ha assolto per infermità totale di mente, dopo aver valutato la documentazione Asl fornita dal difensore.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finto Gianni Morandi denuncia un’aggressione: processato e assolto

BolognaToday è in caricamento