rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Cronaca Molinella

Maltempo, l'allarme piena per il Reno si ristringe: a rischio resta il comune di Molinella

Attivato lo stato di attenzione per criticità idrogeologica nella nostra Provincia. Così l'ultimo bollettino della Protezione civile regionale

Rientra anche se parzialmente lo stato di preallarme-allarme del Fiume Reno e ritornano sotto il livello di guardia  i fiumi Santerno, Senio, Samoggia, Setta. Così l'ultimo bollettino della protezione Civile regionale, che ha dichiarato la cessazione della fase di rischio più elevata per i nostri fiumi, messi a dura prova dalle precipitazioni abbondanti delle scorse ore.

Restano ancora in vigore le allerte per piena dei fiumi Secchia e Panaro emesse lo scorso 19 gennaio 2014. Attivato lo stato di attenzione per criticità idrogeologica nelle Province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e sull'Appennino forlivese, da domenica 2 febbraio a venerdi 7 febbraio 2014.   

La situazione del fiume Reno. Resta vigente il preallarme piena per i Comuni di Molinella (BO), Argenta  (FE) Alfonsine, Conselice e Ravenna (RA). E' invece cessato oggi il prellarme-allarme per i seguenti Comuni: in Provincia di Bologna: Baricella, Malalbergo, Argelato, Castello d'Argile, Castel Maggiore, Galliera, Bologna, Pieve di Cento, Sala Bolognese, San Giovanni in Persiceto, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Grizzana Morandi,Marzabotto, Sasso Marconi, Vergato, Castel di Casio, Granaglione, Porretta Terme. In Provincia di Ferrara: Cento, Poggio Renatico, sant'Agostino e Bondeno

Fase di attenzione per criticità idrogeologica. La Protezione Civile regionale ha attivato a partire da domenica 2 febbraio fino a venerdi 7 febbraio alle ore 15.00 lo stato di attenzione per criticità idrogeologica (allerta n. 52). L'allerta, emessa sulla base del  bollettino di monitoraggio e l'avviso di criticità idrogeologica di ARPA riguarda i bacini dell'Alto Lamone-Savio, del Reno, Secchia e Panaro, Trebbia-Taro e Pianura di Parma e Piacenza. Il provvedimento si è reso necessario perchè la prevista ripresa delle precipitazioni e le condizioni dei terreni già messi a dura prova dalle abbondanti precipitazioni dei giorni scorsi, potrebbero attivare nuovi dissesti idrogeologici e aggravare le situazioni già in atto

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, l'allarme piena per il Reno si ristringe: a rischio resta il comune di Molinella

BolognaToday è in caricamento