Polveri sottili fuori limite: i giovani si accasciano in piazza Maggiore

A spingerli, per il flash mob del 7 febbraio, sono stati i livelli di polveri sottili e di particolato registrati a Bologna a gennaio che hanno superato i valori limite 11 giorni le prime e per 17 il secondo

foto Dire

I livelli di polveri sottili fuori limite ancora una volta e ancora una volta  i ragazzi dei Fridays for future si accasciano a terra in piazza Maggiore. Come morti. Il messaggio è chiaro, la formula è quella del die-in: al finire della colonna sonora, i ragazzi si sdraiano tutti insieme sul pavimento, e, nel silenzio, una persona spiega al microfono le loro motivazioni.

A spingerli, per il flash mob del 7 febbraio, sono stati i livelli di polveri sottili e di particolato registrati a Bologna a gennaio che hanno superato i valori limite 11 giorni le prime e per 17 il secondo. "Abbiamo respirato aria più inquinata del limite più spesso di un giorno sì e uno no", spiega una ragazza del gruppo. Un appuntamento specifico per l'aria, raccontano i ragazzi, importante per far sentire la loro presenza in vista del quinto sciopero globale del 24 aprile.  

Per allora i ragazzi non solo sperano di essere di più, ma anche di non essere solo in piazza Maggiore: "Dovremo presidiare anche Porta Santo Stefano, punto nevralgico dell'inquinamento cittadino", spiegano. Finito il flash mob, il gruppo composto anche da adulti e da esponenti di altre associazioni ambientali, non si disperde. Anzi, i ragazzi si siedono in cerchio e proseguono con un'assemblea. Parlano di come farsi ascoltare, di cosa possono fare come individui e come gruppo e di cosa dovrebbero fare le istituzioni.

Un ragazzo sottolinea come le scelte etiche ed ambientali siano ancora molto costose, mentre un altro dice che i trasporti pubblici dovrebbero essere completamente gratuiti e capillari. Una ragazza non si ferma all'ambiente, per lei "e' tutto il sistema capitalista che non funziona e ogni volta che facciamo queste piccole manifestazioni, il capitalismo trema". Durante l'assemblea ci si chiede come poter coinvolgere più persone e più giovani, "perché saranno loro che governeranno e che faranno le stesse pessime scelte che la politica propone oggi se non vedono l'importanza del tema". L'ambiente è un argomento che riguarda tutti, "l'aria che respiriamo anche, ma sembra che le persone non se ne rendano conto", dice una ragazza sui venti anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come asciugare i vestiti quando fa freddo evitando quello strano odore di umido

  • Vince 2 milioni di euro con l'ultimo 'Gratta e vinci', il tabaccaio: "E' uscito dicendomi 'ti farò un bel regalo"

  • E' nata la figlia di Gianluca Vacchi: ecco come si chiama. Tenera foto sui social

  • Bollettino Covid, +1.413 casi in regione e 15 morti. Salgono i ricoveri

  • Coronavirus, il piano della Regione Emilia-Romagna: "Intanto isolare famiglie con positivi"

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1.180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento