Focolai nelle sedi INPS, la direttrice: "Due i positivi al Covid, scoperti grazie a Immuni"

"Abbiamo imparato dal lockdown dei mesi passati: oggi i dipendenti, tramite le attrezzature informatiche di cui sono stati dotati, sono in grado di operare pienamente anche presso il loro domicilio"

La direttice provinciale Danila Casanova

Chiuse le due sedi Inps di Bologna e Imola per Covid. La notizia del focolaio è di questa settimana e la direttice provinciale Danila Casanova spiega come si sta procedendo e quale è la situazione attuale. La situazione è sotto controllo e il lavoro dei dipendenti prosegue da casa mentre gli uffici sono oggetto di sanificazione per poter riaprire presto. 

Focolai nelle sedi di Bologna e Imola? Qual è ad oggi la situazione? Quanti dipendenti potrebbero essere coinvolti e come state procedendo?

"I dipendenti ad oggi risultati positivi sono due. Questi dipendenti sono stati a contatto con diversi colleghi che, sulla base dei protocolli sanitari, hanno contattato i medici curanti per ricevere le opportune istruzioni e per attivare, laddove necessario, l’Ausl per l’effettuazione dei tamponi. I colleghi interessati sono stati posti in smartworking e continuano la loro attività presso le loro abitazioni".
 
Sanificazioni degli uffici in corso: che tipo di interventi e quando prevedete di riaprire e con quale formula? "Per garantire la sicurezza dei dipendenti e del pubblico che ogni giorno viene presso gli sportelli INPS, si è deciso di chiudere in via cautelativa la sede per effettuare una sanificazione straordinaria di tutti gli ambienti. Gli sportelli verranno totalmente riaperti al pubblico nella giornata di lunedì 19 ottobre 2020".

Segnalazione arrivata dalla app Immuni 

Qual è lo stato d'animo dei dipendenti delle due sedi coinvolte? Qualcosa è sfuggito di mano? Ci sono ipotesi su come il virus possa essere entrato? "La segnalazione che alcuni dipendenti erano entrati in contatto con un soggetto positivo al di fuori dell’INPS è arrivata agli interessati tramite la procedura “Immuni”. Una volta informata dei fatti, la Direzione ha proceduto a ricostruire tutti i contatti intervenuti nei giorni immediatamente successivi e ad assumere le decisioni che hanno portato alla chiusura delle strutture.
 
La situazione presso le due strutture è sotto controllo. La Direzione si è attivata ponendo tutti i dipendenti in smartworking, per il tempo necessario all’effettuazione della sanificazione. L’INPS ha imparato dall’esperienza del lockdown dei mesi passati: oggi i dipendenti, tramite le attrezzature informatiche di cui sono stati dotati, sono in grado di operare pienamente anche presso il loro domicilio.
 
I dipendenti, come tutti i cittadini in questo momento, sono preoccupati per la situazione che il nostro Paese sta vivendo, ma il senso di solidarietà e servizio che ha connotato, soprattutto in questi mesi di forte disagio sanitario ed economico, il lavoro di tutti gli operatori dell’INPS trova riscontro nelle numerose manifestazioni di ringraziamento che quotidianamente ci pervengono e che rafforzano in ciascuno di noi il senso del valore e dell’importanza del nostro operato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come continuano i servizi

A sede chiusa, chi avesse bisogno di voi come può fare? "I servizi informativi continuano comunque ad essere garantiti attraverso i canali telefonici e telematici. In particolare oltre al Contact center, raggiungibile componendo il numero 803 164, gratuito da telefono fisso e il numero 06 164 164 da cellulare, a pagamento in base alla tariffa applicata dai diversi gestori e dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ore 20 e il sabato dalle ore 8 alle ore 14 è possibile parlare con un operatore INPS della sede chiamando il numero 051 216295 dalle 8.30 alle 12.30 dal lunedì al venerdì. Si può scrivere una mail all’indirizzo Direzione.bologna@inps.it o una PEC a direzione.provinciale.bologna@postacert.inps.gov.it. Resta attivo il servizio online INPS Risponde, presente sia nella sezione “Contatti” del portale istituzionale e sia nell’app INPS Mobile, accessibile con o senza PIN.
Infine i servizi di consulenza per gli intermediari istituzionali e gli altri utenti abilitati ai "Cassetti" continuerà a essere assicurato a distanza tramite videochiamata o telefono.
Gli accessi in sede saranno possibili da lunedì prossimo previa prenotazione chiamando i numeri di contact center o di centralino provinciali o da app INPS Mobile o dal sito www.inps.it al servizio prenotazioni se si è in possesso di credenziali per l’accesso ai servizi telematici (PIN, SPID, CNS o CIE).
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm | Scuole, locali, palestre & co: ecco le nuove misure approvate

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1.180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • 23 ottobre, sciopero nazionale treni e bus: cosa c'è da sapere

  • Gianluca Vacchi firma una cashback card: oltre ai benefit, c'è anche un progetto benefico

  • Crollo via del Borgo, Francesco muore a 22 anni. Il Comune: "Un dolore per tutta la città"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento