Cronaca

Atei sul piede di guerra: "Mancano scuole, il Comune preferisce edifici di culto"

L'Uaar in protesta contro le politiche dell'Amministrazione locale. Raccolte 1.300 firme, pronta petizione. La denucia: "Destinati all'edilizia di culto quasi 6 milioni: ecco perché mancano le scuole pubbliche"

I fondi che il Comune destina ogni anno alla Curia siano invece investiti nella costruzione e all'ammodernamento di nuove scuole. E' la proposta lanciata, a pochi giorni dalla bocciatura del referendum sulle paritarie, dallo Uaar (Unione degli atei e degli agnostici razionalisti).

La protesta nasce dalle parole dell'assessore alla scuola Marilena Pillati che "vista l'impossibilità di costruire nuove scuole e la difficoltà di trovare spazi negli edifici esistenti, ha prospettato l'opportunità fornita dalle scuole paritarie".

“Siamo al ‘chiagni e fotti - sbotta Roberto Grendene, portavoce UAAR, attraverso un comunicato stampa - Palazzo d’Accursio si lamenta della mancanza di edifici scolastici quando i fondi pubblici disponibili li ha utilizzati per finanziare la Curia bolognese, il più grande immobiliarista sul mercato” .

Il Circolo UAAR di Bologna aveva da anni sottolineato questa carenza e denunciato pubblicamente la scelta politica di preferire il finanziamento dell’edilizia di culto rispetto alla costruzione e ammodernamento di scuole e asili nido.

Ora la loro linea di pensiero si fa azione ed è già pronta una petizione, firmata da 1.300 cittadini, che in settimana approderà sulla scrivania del sindaco, Virginio Merola. La richiesta è, appunto, che il Consiglio Comunale impugni la situazione e deliberi la cessazione del finanziamento pubblico all’edilizia di culto per sostenere l’edilizia scolastica e gli asili nido.

"Risulta peraltro assurdo - si legge ancora nel comunicato - finanziare il patrimonio immobiliare di una Curia che possiede “oltre 1.200 tra case, negozi, uffici, box e garage, campi sportivi e teatri e che potrebbe quindi benissimo provvedere autonomamente alla manutenzione del patrimonio monumentale utilizzato comunque per le proprie attività di culto".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atei sul piede di guerra: "Mancano scuole, il Comune preferisce edifici di culto"
BolognaToday è in caricamento