Fondo di comunità per il lavoro, sul piatto il primo milione dal Comune

L'obiettivo è realizzare specifici interventi nell'ambito del progetto Insieme per il lavoro

Prende forma il Fondo di comunità annunciato dal sindaco di Bologna, Virginio Merola, come arma in più per fronteggiare la crisi indotta dall'emergenza Covid.

Se ne parla in una delibera approvata dalla Giunta contenente le linee di indirizzo per la firma di una convenzione con Città metropolitana, Arcidiocesi e Fondazione San Petronio: l'obiettivo e' realizzare specifici interventi nell'ambito del progetto Insieme per il lavoro e in raccordo, per l'appunto, con il nuovo.

L'emergenza pandemica e i provvedimenti per il suo contenimento, si legge nel documento, "hanno comportato effetti negativi su tutto il tessuto economico del territorio, che ha subito contraccolpi la cui portata è attualmente difficile da stimare, ma che si protrarranno ancora per molto tempo".

I lavoratori di Bologna, quindi, "necessitano e necessiteranno di una sempre maggiore protezione sia all'interno del mercato del lavoro, sia nelle fasi di ingresso e uscita, probabilmente sempre più frequenti". La delibera richiama poi l'esperienza di Insieme per il lavoro, giunta ormai all'ultimo anno della sperimentazione quadriennale: il bilancio è "complessivamente molto positivo", scrive la Giunta.

Nel frattempo, il Consiglio comunale ha approvato gli indirizzi programmatici per il sostegno alle imprese e al lavoro di fronte all'emergenza Covid e, in questo stesso atto, si sottolinea "l'importanza di rafforzare e rendere permanente l'esperienza di Insieme per il lavoro". Sempre il Consiglio ha anche individuato Insieme per il lavoro come possibile destinazione di una quota delle risorse che si sono rese disponibili, ricorda la Giunta.

Dal confronto con i partner di Insieme per il Lavoro, continua la Giunta, sono stati individuati due macro-obiettivi su cui indirizzare risorse specifiche per rispondere alle nuove esigenze: potenziamento e innovazioni nelle azioni già in corso per la ricollocazione delle persone espulse dal mercato del lavoro in conseguenza dell'emergenza sanitaria; nuove azioni per le persone ancora attive nel mondo del lavoro, con particolare attenzione alle persone più fragili, per garantire continuità lavorativa in attesa della ripresa.

Scorrendo la delibera si arriva così al Fondo di comunità' che la Città metropolitana e i Comuni hanno individuato quale "strumento straordinario di intervento" e "punto di riferimento per la partecipazione collettiva alla risposta ai bisogni", spiega la delibera, "prevedendo la possibilita' di conferimento di beni, servizi, risorse economiche, sviluppo congiunto di progetti".

La nascita del Fondo avverrà con un apposito accordo attuativo, che è in corso di approvazione da parte di tutti gli enti. Il Fondo sarà "il contenitore nell'ambito del quale sviluppare un piano di azione comune di tutti i sindaci della Città metropolitana- continua l'atto- coordinato nell'ambito della Conferenza territoriale sociale e sanitaria", con l'obiettivo di "raccogliere risorse in termini di beni, servizi e denaro da soggetti che si muovono su un livello ampio".

Per quanto riguarda il supporto lavorativo, si farà riferimento a Insieme per il lavoro e a quest'ultimo progetto il Comune di Bologna ha quindi deciso di destinare un milione di euro, che concorreranno alla costituzione del Fondo come quota dedicata. Nei giorni scorsi, Merola ha indicato nel 15 dicembre la data di avvio del Fondo, comunicando che nel complesso il Comune contribuira' con due milioni. (Pam/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +2723 contagi, 47 morti (25 a Bologna)

Torna su
BolognaToday è in caricamento