Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca Fontanelice

Fontanelice, Lepore: “La strada temporanea sarà pronta fra un mese”

Lo assicura il sindaco metropolitano in una nota: “Garantiamo sostegno alla popolazione di Fontanelice”. Ma da destra piovono critiche

L’Emilia-Romagna continua a fare i conti con le conseguenze dell’alluvione dello scorso maggio. I problemi riguardano soprattutto la viabilità: è questo il caso di Fontanelice, la cui strada provinciale 33 ‘Casolana’ è ancora impossibile da percorrere, causando non pochi problemi all’intera comunità. Dopo il sopralluogo di Anas e Città Metropolitana, avvenuto oggi lunedì 7 agosto, il sindaco di Bologna Lepore e il sindaco di Fontanelice Meluzzi scrivono in una lettera che il bypass, la strada temporanea, ci sarà presto. Il tempo stimato è di circa un mese, per un costo di 100mila euro: 70mila da parte della Città Metropolitana e 30mila da parte del Comune di Fontanelice, fondi che poi saranno inseriti tra le opere riconosciute dalla struttura commissariale. “Grazie al bypass realizzato dalla Città metropolitana e dal Comune - commenta il sindaco Lepore - garantiremo alla popolazione di Fontanelice uno concreto sostegno alle attività quotidiane, in attesa di una nuova normalità. Dobbiamo fare presto e dare continuità alle risposte”.

Le critiche

Non si fanno attendere le critiche da parte della destra cittadina, non tanto per il provvedimento in sé ma nel modo in cui, secondo Lega e Fratelli d’Italia, il sindaco Lepore si sarebbe intitolato un’opera non sua: “Sulla SP 33 prendiamo atto con favore che la proposta del commissario Figliuolo di costruire una pista alternativa sia stata oggi accolta dopo essere stata inizialmente respinta proprio da quella Città Metropolitana che adesso se ne intesta a mezzo stampa il risultato. Ennesimo esempio di concretezza a fronte di tanta propaganda, malafede e niente più” scrive in una nota Marta Evangelisti, capogruppo FdI in Regione. “La gestione caotica della SP33 da parte degli esponenti del Pd, Lepore in primis, dimostra l’incapacità e la malafede di certi personaggi – tuona invece Stefano Cavedagna, capogruppo dei meloniani a Palazzo d’Accursio –. Facciamo presente che è stato il Sindaco Metropolitano Lepore a chiudere la strada emanando un’ordinanza che definiva insicuro il tratto. Allo stesso Figliuolo, che martedì scorso ha proposto una viabilità alternativa, è stato risposto dalla Città Metropolitana che era impossibile per condizioni di sicurezza. Oggi invece, dopo l’intervento del Commissario, Lepore si fa bello e si pone come risolutore. Invece ancora una volta il Governo risolve un problema causato dalla mala gestione del PD, con mesi di immobilismo da parte di Lepore”.

Per la Lega, invece, l’opera sarebbe stata sbloccata grazie ad una telefonata del ministro Matteo Salvini, il quale avrebbe avanzato “proposte concrete” nella telefonata avvenuta durante il sopralluogo di Anas e Città Metropolitana. “Restano comunque ancora non indagate – scrive il deputato leghista Jacopo Morrone – le responsabilità di chi ha gestito e amministrato questo territorio da decenni. Stefano Bonaccini e tutti gli amministratori provinciali e locali della sinistra possono lanciare accuse e alzare polveroni finché vogliono, ma prima o poi dovranno rendere conto ai cittadini delle risorse non spese o spese male, della cattiva gestione e della mancata attenzione per il territorio”.

Alluvione, Anas e Città Metropolitana sulla SP33. Salvini: "Frutto anche della riforma delle Province"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fontanelice, Lepore: “La strada temporanea sarà pronta fra un mese”
BolognaToday è in caricamento