Difese Carola Rackete: studio legale bolognese premiato alla Borsa di Milano

Studi dell'anno per la categoria "Diritto umanitario e diritto della navigazione"

Il premio Le Fonti Awards® Italy per la categoria "Diritto umanitario e diritto della navigazione" è andato allo Studio Legale Avv. Alessandro Gamberini di Bologna e allo Studio Legale Avv. Leonardo Marino di Agrigento: sono stati giudicati studi dell’anno quali difensori della comandante di Sea Watch, Carola Rackete, finita a luglio scorso agli arresti domiciliari dopo aver forzato il blocco navale per far sbarcare i migranti a Lampedusa.

In quell'occasione Gamberini entrò in scontro diretto con l'allora Ministro dell'Interno Matteo Salvini e annunciò querele per il post "Io sto con le donne che difendono la legge, la vita e i confini. Non con le delinquenti" apparso su Twitter e Facebook.

Secondo il legale bolognese alcuni tweet di Salvini erano a tutti gli effetti "una forma di istigazione a far del male a Carola Rackete". "Io penso che sia gravissimo quello che sta accadendo. Salvini muove le acque dell’odio, e le muove in una direzione inaccettabile".

La premiazione Le Fonti Awards® Italy, format televisivo trasmesso in live streaming tv su tematiche economiche, finanziarie, legali, si è svolta la settimana scorsa a Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Scatta oggi la nuova ordinanza: le restrizioni si allentano, cambiano le regole del commercio

Torna su
BolognaToday è in caricamento