Crollo via del Borgo, Francesco muore a 22 anni. Il Comune: "Un dolore per tutta la città"

Il cordoglio del Comune e del sindaco Merola. Francesco era iscritto alla facoltà scienze statistiche: si era trasferito a Bologna dal 2016

Foto LeccePrima

"La perdita di una giovane vita lascia sgomenti. La perdita di un giovane che qui era venuto a studiare è un dolore di tutta la città. Esprimiamo le più sentite condoglianze alla famiglia di Francesco, agli amici e alla comunità studentesca dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna". 

Così il Comune di Bologna e il sindaco Virginio Merola ricordano Francesco Caiffa, lo studente 22enne originario di Gallipoli (LE), deceduto ieri mattina all'ospedale Maggiore, dove era stato ricoverato nel reparto di rianimazione a seguito delle gravi ferite riportate nel crollo di un muro in via del Borgo di San Pietro. 

Crollo in condominio durante i lavori | VIDEO  

Francesco era iscritto alla facoltà scienze statistiche: si era trasferito a Bologna dal 2016, dopo la maturità conseguita presso il liceo Quinto Ennio di Gallipoli e aveva conseguito la laurea triennale. Ieri sera la famiglia ha dato l'assenso per l'espianto degli organi.

Secondo la ricostruzione, il braccio meccanico di una betoniera ha colpito un muro che ha ceduto su una veranda dove si trovavano due ragazzi.Entrambi sono rimasti feriti. Ad avere la peggio è stato Francesco, ricoverato all'Ospedale Maggiore in rianimazione con prognosi riservata e rimasto due giorni in bilico tra la vita e la morte. L'altro ragazzo, 20enne, ha riportato traumi al capo e alla gamba. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento