Carcere Dozza, detenuti incendiano una cella. Due persone in ospedale

I fatti ieri pomeriggio, lo comunica la segreteria provinciale della Uil PA Polizia Penitenziaria

Foto archivio, le proteste durante il lockdown

Ieri pomeriggio due detenuti hanno dato fuoco alla loro cella finendo per intossicare l'intera sezione. È successo nel carcere della Dozza "Rocco D’Amato" a Bologna, a darne notizia è la Segreteria Provinciale della Uil PA Polizia Penitenziaria.

"I detenuti che hanno provocato l'incendio - si legge - avevano già creato problemi nei giorni scorsi in quanto non accettavano il loro trasferimento nella sezione dei sospetti covid. Gli Agenti operanti nel Reparto hanno provveduto ad evacuare l’intera sezione facendo defluire, a piccoli gruppi, i detenuti nei locali passeggi. Il bollettino conta un agente di polizia penitenziaria ed un altro detenuto ristretto nella stessa sezione inviati in ospedale con il 118".

"Si è sfiorata la tragedia nell’istituto bolognese – afferma Domenico Maldarizzi, segretario nazionale della Uil PA Polizia Penitenziaria – un grazie di cuore a tutto il personale di Polizia Penitenziaria che, nonostante fosse una sezione in cui sono ristretti detenuti sospetti covid, non hanno esitato ad intervenire prontamente e mettere in salvo vite umane".

"Dispiace sapere che, al termine delle operazioni – continua Maldarizzi - un agente di polizia, intossicato dai fumi, è svenuto ed è stato accompagnato dal 118 in Ospedale a lui ed a tutti i colleghi intervenuti va il plauso della Uil Penitenziari augurandoci che venga loro dato il giusto riconoscimento da parte dell’Amministrazione Penitenziaria".

Potrebbe interessarti anche:

Dpcm, piazza 'occupata' e sit-in: Bologna si mobilita ancora

Uno studente lascia un mazzo di fiori davanti al cinema: "È la morte della cultura"

Sierologici gratis in farmacia anche per il personale scolastico

Bollettino Covid, +1.413 casi in regione e 15 morti. Salgono i ricoveri

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Scatta oggi la nuova ordinanza: le restrizioni si allentano, cambiano le regole del commercio

Torna su
BolognaToday è in caricamento