Incendio del furgone in A13, scatta denuncia per il proprietario

Per l'uomo l'accusa di falso in atto pubblico. Deferita anche la compagna

I Carabinieri della Stazione di Malalbergo (BO) hanno denunciato una coppia d’imprenditori Italiani per falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico, nei confronti di un cinquantaduenne e favoreggiamento personale nei confronti della compagna quarantunenne.

Le denunce sono scaturite durante un’indagine che i militari avevano avviato per ricostruire la dinamica di un incendio senza feriti che aveva distrutto il furgone del cinquantaduenne in via Saletto, nei pressi dell’autostrada A13.

All’epoca dei fatti, l’uomo aveva dichiarato che al volante del mezzo distrutto dalle fiamme e a lui intestato, c’era la sua compagna. I militari, però, venuti a conoscenza che il cinquantaduenne era sprovvisto della patente di guida, perché revocata da qualche anno, hanno iniziato a sospettare che le dichiarazioni rilasciate dall’uomo erano state rilasciate per evitare di pagare una sanzione pecuniaria di oltre 5.000 euro.

Le ipotesi dei Carabinieri sono state confermate dall’analisi dei tabulati telefonici da cui è emerso che, al momento dei fatti, la donna, invece di trovarsi alla guida del furgone, come dichiarato dalla stessa, era altrove. Di qui le accuse a carico dei due.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

Torna su
BolognaToday è in caricamento