Furti a raffica e rapina in casa, oltre 300.000 euro di bottino: sgominata banda

Sarebbero almeno 10 i colpi messi a segno in un anno

Sono ritenuti responsabili di una decina di furti aggravati commessi nell'ultimo anno nelle province di Bologna, Reggio Emilia, Parma, Piacenza e Mantova e di una rapina ai danni di una donna anziana, aggredita nella sua abitazione della città ducale lo scorso marzo. Per questo sette persone di etnia sinti sono state arrestate oggi tra Reggio Emilia e Parma in un'operazione che ha coinvolto circa 50 agenti di Polizia delle Questure dei due territori.

Le vittime dei furti, spiega la Procura di Parma, erano tutte diverse: l'espositore proveniente da una fiera, la titolare di un esercizio commerciale dopo la chiusura della propria attività, il cassiere di una fiera di paese o il proprietario di una macchina che aveva lasciato il proprio zaino incustodito nel veicolo.

Le modalità dei "colpi", invece, erano sempre molto simili. La banda si muoveva in gruppi a bordo di piu' autovetture, individuava la vittima o l'obiettivo e lo monitorava nei suoi spostamenti fino al al momento opportuno per derubarlo, dandosi poi alla fuga. Il bottino  accumulato -che comprende diversi oggetti preziosi come due rolex da 10.000 euro -ha un valore di oltre 300.000 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento