menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
l'auto usata dalla coppia

l'auto usata dalla coppia

Cimitero Porretta, furti sulle auto in sosta: incastrata coppia di predoni esperti

Un graffio sulla vettura con la quale si erano recati sul luogo del misfatto e delle immagini video: così i due ladri sono stati identificati

I Carabinieri della Stazione di Porretta Terme hanno denunciato un 36enne  e una 35enne italiani, per furto su auto in concorso, continuato. Il crimine era stato denunciato la mattina del 31 gennaio scorso, quando una pattuglia dell’Arma di Porretta Terme si era recata presso il parcheggio del cimitero comunale dove, ad attenderli, c’era una 62enne di Bologna che aveva chiamato il 112 per segnalare un furto ai danni della sua BMW parcheggiata. Nell’occasione, ignoti, approfittando dell’assenza della donna, dopo aver sfondato il finestrino dell’auto, le avevano asportato una macchina fotografica digitale, uno smartphone e 450 euro in contanti.

Analizzando le immagini registrate da un sistema di video sorveglianza installato sul posto, i militari avevano scoperto che qualche istante prima e dopo il furto, un modello sportivo di Toyota Yaris di colore grigio era transitato nei pressi del cimitero. Un episodio analogo, con protagonista la stessa Toyota Yaris, era stato registrato anche pochi giorni prima, quando una 53enne di Porretta Terme era stata derubata di alcuni effetti personali che aveva lasciato nel cruscotto dell’auto parcheggiata dietro al cimitero.

Nel pomeriggio di sabato 21 marzo, i Carabinieri di Porretta Terme, durante un servizio di controllo del territorio, avevano denunciaoto due persone, un uomo e una donna, per possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli e nell’occasione avevano recuperato del denaro e diversi monili in oro del valore di 6.215 euro . Ciò che ha spinto gli investigatori dell’Arma ha ritenere che la coppia denunciata a marzo fosse collegata con i furti commessi a gennaio è stata la corrispondenza del modello delle due Toyota e di alcuni graffi rilevati sul parafango posteriore destro dell’auto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento